Torino, si dimettono i revisori dei Conti del Comune: "Difficoltà di comunicazione"

Share

Nel motivare la decisione, gli esperti contabili parlano di "difficoltà nello scambio di comunicazioni e ostacoli nell'attività di raccordo" tra l'Ente e il Collegio e tra questo e il Consiglio comunale.

Dopo mesi di scontri, alla fine è arrivata l'ufficializzazione del 'divorzio': i revisori dei conti del Comune di Torino hanno rassegnato le proprie dimissioni. La motivazione, come hanno spiegato nella loro lettera di dimissioni, risiede nella scarsa collaborazione del Comune che non fornisce tutti i documenti che dovrebbe.

Elisabetta Canalis a Le spose di Costantino in Giamaica: "Ho pianto…"
Sulle molestie e le denunce di tante donne che ancora non si fermano, Elisabetta Canalis dice: "La colpa sta nel mezzo". Il gossip entra molte volte anche nel calcio. " Mi tradiva in continuazione , ma non era molto bravo a nasconderlo".

"Attendo con fiducia il nuovo sorteggio della Prefettura, per poter riprendere proficuamente un rapporto di collaborazione tra il consiglio comunale e i prossimi revisori nominati", conclude il Presidente della Commissione Bilancio.

A scatenare le incomprensioni in particolare la questione del debito Ream, 5 milioni di euro da restituire alla società della Fondazione Crt, vicenda su cui la Procura ha aperto un'inchiesta in cui figura indagata anche il sindaco pentastellato. "Revisori poco credibili, non ci fidiamo più", avevano sostenuto i consiglieri pentastellati, che si erano detti "rammaricati" del parere dei revisori, mentre l'assessore al Bilancio Sergio Rolando ha sempre sostenuto "l'applicazione della legge" da parte dell'amministrazione. "Prendiamo atto delle dimissioni", si è limitata a dire la prima cittadina.

Share