Ndrangheta: 169 arresti tra l'Italia e la Germania. Anche presidente provincia Crotone

Share

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, coordinati dal procuratore Nicola Gratteri e dall'aggiunto Vincenzo Luberto (hanno lavorato all'operazione "Stige" anche i pm Domenico Guarascio, Fabiana Rapino e Alessandro Prontera), la cosca Farao-Marincola, una delle più influenti in Calabria con interessi anche nel Centro-Nord, aveva messo le mani su diversi settori dell'economia locale, come quello agroalimentare.

Oltre ai 169 arresti, l'inchiesta ha portato anche al sequestro di beni per un valore che si aggira attorno ai 50 milioni d'euro. Tra gli arrestati spicca il nome di Nicodemo Parrilla che, oltre ad essere il sindaco di Cirò Marina, è il presidente della provincia di Crotone. Varie le persone, anche tre politici, che sono finiti in manette alle prime ore di questa mattina in diverse regioni italiane e in Germania.

Secondo l'accusa gli 'ngranghetisti erano anche divenuti i referenti dei ristoratori per l'accomodamento di eventuali controversie che si venivano a creare. L'uomo gestisce anche un centro di accoglienza migranti a Dugenta in provincia di Benevento e un altro centro ad Afragola.

Cupramontana - Autopsia sul piccolo Hamid: morto soffocato in pochi secondi
Il padre Besert , difeso dall'avvocato Raffaele Sebastianelli , è in carcere con l'accusa di omicidio volontario aggravato . Sarebbe stata l'asfissia la causa della morte del piccolo Hamid , 5 anni, ucciso la scorsa settimana a Cupramontana .

Maxi operazione dei carabinieri del Ros, e di quelli del Comando provinciale di Crotone, contro la 'ndrangheta.

Scoperta, inoltre, una "fitta rete di connivenze" da parte di amministratori pubblici, tra cui appunto Parrilla. Nella lista dei 169 indagati diffusa dagli stessi investigatori, fra i destinatari di ordinanza di custodia in carcere ci sono Aldo Marincola, 33 anni, nato in Germania e residente a Parma; Fabio Potenza, 30, nato a Cirò Marina (Crotone) e residente a Parma; Francesco Bonesse, 47, nato a Melissa (Crotone) e residente a Reggio Emilia; Franco Gigliotti, 49, nato a Crucoli (Crotone) residente a Parma e domiciliato a Montechiarugolo (Parma). Gli arresti e i sequestri sono stati eseguiti dai Carabinieri in Italia e contestualmente dalla Polizia tedesca in Germania.

Tredici gli arresti che gli uomini del Raggruppamento operativo speciale hanno eseguito in Germania, nelle zone dell'Assia e di Stoccarda dove, grazie a una cellula distaccata delle famiglie calabresi, la cosca Farao-Marincola si era imposta nel settore della distribuzione dei prodotti vinicoli e di semilavorati per pizze.

Share