Le presenze: giù del 50%

Share

Al contrario nel 2017, per la prima volta, quasi nessuna produzione nazionale ha superato i 10 milioni d'incasso. Sono i dati del Mercato Cinematografico 2017 diffusi dall'Anica, l'Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Multimediali. Il 2017, inoltre, porta in dote un progressivo declino dei film 3D - non tanto nelle produzioni (38 in totale, +2 rispetto a 2016) quanto negli incassi (-30,3%) - un aumento dei contenuti complementari (eventi, edizioni speciali, ri-edizioni, edizioni restaurate) dove figuriamo tra i migliori in Europa (+30,7% d'incassi) e, infine, la conferma di una realtà ormai certificata: gli italiani d'estate amano vedere i film nelle piazze, nei cortili e all'aperto, ma non si recano più nelle sale cinematografiche. Nel dettaglio gli incassi generali perdono l'11,63% mentre le presenze il 12,38%. Un buon esempio italiano è stato Perfetti sconosciuti, altra pellicola che ha gonfiato gli incassi del 2016.

Senza Checco Zalone il cinema italiano soffre. Il cinema italiano ha incassato circa 89 milioni di euro in meno (con un numero di biglietti venduti inferiore di 13.3 milioni) rispetto al 2016: la produzione cinematografica di casa nostra (incluse le co-produzioni) ha fatto registrare un incasso pari a 103.149.979 euro (17,64% del totale box office; -46,35% rispetto al 2016) per un numero di presenze pari a 16.880.223 (18,28% del numero totale dei biglietti venduti; -44,21% rispetto al 2016).

I Re Magi sono arrivati in Ticino
Il giorno della Befana è una ricorrenza civile e religiosa amata da bambini ed adulti. Il 6 gennaio si festeggia la Befana .

Debacle del cinema italiano nel 2017: -46,35% rispetto al 2016 per numero di presenze (pari a 16.880.223) e -44,21% per biglietti venduti (18,28% del totale).

Il film campione di incassi al botteghino italiano 2017 è stato La Bella e la Bestia con un incasso di 20,5 milioni di euro. Per trovare il primo titolo italiano occorr scendere ala nona posizione con L'Ora legale, il film con Ficarra e Picone distribuito da Medusa (1,8 milioni di presenze e 10,3 milioni di incasso), seguito da Mister Felicità, distribuito da 01 Distribution (1,7 milioni di presenze e 10,2 milioni di incasso). Trattasi del primo film al box office annuale con l'incasso più basso dal 2014 ("Maleficent", 14 milioni di euro), corrispondendo al 4% degli incassi totali e il 3% delle presenze delle sale ("Quo vado", primo al box office l'anno precedente, aveva avuto un "peso" per il 9,9% degli incassi e per l'8,9% delle presenze).

Share