Influenza micidiale: le vittime in Puglia salgono a sei, picco emergenze

Share

Casi numerosi come quelli dell'ultimo periodo, ricorda Germinario, in Puglia non erano stati mai registrati neppure in occasione della pandemia influenzale del 2009. Dieci persone sono invece ricoverate in gravi condizioni. In Italia, sono già 6 i morti per influenza, tutti in Puglia; tra le malattie infettive, il virus influenzale è quello che causa più morti dopo tubercolosi e Aids, quindi è importante non sottovalutare il problema e cercare di prevenire la malattia. È il quadro dell'emergenza in atto tracciato dal presidente della Società italiana di medicina di emergenza urgenza (Simeu), Francesco Rocco Pugliese. Un ulteriore problema riguarda le barelle delle ambulanze: "In molti casi, specie nelle città, il paziente vi permane per mancanza di spazio al Ps e dunque - sottolinea Pugliese - l'ambulanza non può ripartire".

Telefonata sul decreto banche. Renzi,chiedete a De Benedetti
Sono stato in Banca d'Italia l'altro giorno, hanno detto (incomprensibile) che è ancora tutto aperto. In ogni caso sia CONSOB che la procura di Roma hanno archiviato la posizione di Renzi.

"Siamo consapevoli - ha evidenziato il titolare regionale della Sanità - che la situazione sia figlia di una presa in carico sul territorio poco efficace soprattutto dei pazienti over 65 anni (che rappresentano mediamente il 30 per cento dei pazienti che si recano nei Pronto soccorso che sfiorano il 40% degli nel periodo che va dal 22 dicembre a metà gennaio) interessati da patologie che riguardano prevalentemente insufficienze respiratorie che richiedono diverse giornate di degenza ospedaliera". Saranno così almeno 5 milioni gli italiani che, secondo i virologi, saranno colpiti dall'influenza nella stagione 2017-2018, soprattutto anziani e bambini, ed anche se l'imminente picco dei casi non si è ancora registrato le notizie provenienti da altri Paesi non lasciano ben sperare, con il cosiddetto 'virus australiano' che desta particolare preoccupazione. Il quale dice: "In Toscana stiamo registrando un aumento dei casi di influenza, ci stiamo avvicinando al picco che è atteso per metà gennaio". Dopo i bambini, è ora 'emergenza anziani' nei Pronto soccorso italiani a causa dell'influenza: "I Ps stanno esplodendo e dal 31 dicembre stimiamo un aumento del 15-20% degli accessi anche per gli adulti e soprattutto per gli over-65, con un aumento notevole dei casi di polmonite tra gli anziani come complicanza della sindrome influenzale". Le regioni più colpite, dove è stata superata la soglia dei 13,50 casi ogni mille assistiti, sono Lombardia, Liguria, la provincia autonoma di Trento, Marche, Basilicata e Calabria.

Share