Cronaca - Scuole, sciopero maestre. Fedeli, vedrò le parti

Share

Lo sciopero della scuola a Roma si è concretizzato attraverso un sit-in di protesta formato da docenti delle scuole primarie e dell'infanzia dinanzi la sede del Ministero dell'Istruzione, in viale Trastevere.

"Questa sentenza del Consiglio di Stato è assolutamente sbagliata e contraddittoria" dice Giuseppe Pacetti, segretario della Uil di Ascoli "Non solo alcuni insegnanti erano state inserite in graduatoria ma alcuni erano diventati anche di ruolo avendo anche superato l'anno di prova" sottolinea Pacetti "Il Ministero ha chiesto un parere all'Avvocatura di Stato perché si tratta di situazioni complesse che hanno ricadute sui bambini".

Ne consegue quindi che il dictum non ha effetti, né immediati né futuri, sui diplomati magistrali già di ruolo ovvero ancora iscritti nelle Gae, che risultavano già presenti nelle Graduatorie permanenti nel momento in cui la Legge n. 296 del 2006 le ha modificate in Graduatorie ad esaurimento. Migliaia di maestre e di maestri hanno incrociato le braccia per protesta dopo che la plenaria del Consiglio di Stato prima di Natale ha messo fuori dalle Gae, Graduatoria ad esaurimento, i docenti con diploma magistrale.

Palermo, rinforzo in difesa dal Belgio
Ringrazio tutti per l'accoglienza, il sogno era tornare in Italia . "Giocatore preferito? Chiellini , è mancino come me". Per il Palermo si tratta di una grande rinforzo, che sicuramente darà un grande apporto alla difesa di mister Tedino .

"Le famiglie italiane si accorgeranno di cosa vuol dire perdere il maestro del proprio figlio, dopo diversi anni, per colpa di una sentenza che non doveva neanche essere pronunciata, vista l'assenza di un conflitto di giudicato per una categoria, composta appunto dai docenti della scuola dell'infanzia e primaria, che è stata volutamente dimenticata dal governo e dal Parlamento, anche con l'esclusione dal piano straordinario di assunzioni, come dal nuovo sistema di formazione e reclutamento", attacca Marcello Pacifico presidente Anief. Oggi in tutta Italia scioperano i docenti per protesta contro quella che definiscono la "vergognosa" sentenza del Consiglio di Stato sui diplomati magistrali.

Il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, ha parlato delle proteste in un'intervista a Sky Tg 24, annunciando la futura convocazione delle parti sociali. "Come abbiamo detto a tutti i sindacati, - ha sottolineato - appena arrivano le risposte dell'Avvocatura generale dello Stato immediatamente convochiamo le parti e troveremo le soluzioni e gli strumenti più idonei".

ROMA - "Siamo insegnanti non burattini", "la maestra non si tocca", "riaprire le Gae". Invece di eliminare la precarietà, il Pd elimina lavoratrici e lavoratori.

Share