Civica popolare, Lorenzin presenta il simbolo. "Un fiore petaloso"

Share

"Abbiamo l'ambizione di essere un movimento politico e non certo una lista civetta - ha dichiarato il deputato Giuseppe De Mita, che con "L'Italia è Popolare" è tra i fondatori di Civica Popolare - vogliamo essere un fatto politico e non uno stratagemma".

Dopo le polemiche dei giorni scorsi con Francesco Rutelli per l'utilizzo del logo della Margherita, per evitare guai legali i civici e popolari hanno rimesso mano alla grafica, rimandando di qualche giorno il lancio ufficiale.

Sulla metà inferiore, in grande, compare la scritta "Lorenzin"; al centro una fascia bianca con il nome della lista e sopra, di nuovo su sfondo rosso, un fiore giallo con 5 petali affiancato dai simboli dei cinque partiti che promuovono la lista: Italia dei valori, Centristi per l'Europa, Democrazia solidale, l'Italia è popolare e Alternativa popolare. Questa mattina, al Tempo di Adriano a Roma, è stato dunque presentato il nuovo logo. Spiega poi perché ha posto a Lorenzin e Dellai di Civica popolare di usare come logo una margherita e rivela che anche gli stessi promotori della lista gli hanno offerto di candidarsi: "Sarebbe un trucco". Una peonia, un girasole... ma è un frutto dell'immaginazione di un bambino.

Vertice ufficiale tra le due Coree, Pyongyang: "Invieremo nostra delegazione ai Giochi"
I due sono a capo delle istituzioni più alte che gestiscono i rapporti e le questioni intercoreane nei rispettivi Paesi. Ri è colui che mercoledì ha annunciato il riavvio del canale diretto di comunicazione dopo due anni di silenzio.

Leadership per il ministro uscente che conferma con decisione: "Questo simbolo ha una storia - continua la responsabile della Salute - crescita, speranza e futuro sono le tre parole chiave di questo fiore". E a chi la accusa di aver messo in piedi solo un cartello elettorale ribatte: "Abbiamo deciso di mettere in campo un progetto politico che non si ferma a queste elezioni, ma va avanti, dando delle risposte alle persone". La campagna elettorale in atto mi sembra quella di 'Cetto Laqualunque', a chi la spara più grossa.

Ci muoveremo "in autonomia' rispetto al Pd, "siamo una nuova forza politica che vuole contare, noi ci mettiamo in gioco", garantisce. Gli italiani hanno capito che si tratta di promesse non mantenibili", spiega.

Alla presentazione romana anche Donatella Conzatti, esponente dell'Upt Trentino, ex segretaria, che ora appoggia la nuova formazione nazionale che si colloca al centro del centrosinistra nazionale. "Noi rappresenteremo una forza pragmatica".

Share