Capannone a fuoco a Corteolona nel pavese. Allarme nube tossica

Share

L'assessore all'Ambiente della Lombardia Claudia Terzi ha annunciato stamani che "allo stato attuale risulta che l'incendio sia stato domato". L'incendio, spento stamani, ha creato un'emergenza per il sospetto di possibili inquinamenti ambientali. L'Arpa intanto fa sapere che sono nella norma i "valori degli inquinanti generici tipici degli incendi come biossido di azoto e biossido di zolfo".

L'ARPA ha avviato il campionamento per verificare i livelli di diossina.

Secondo le ultime indiscrezioni, al vaglio degli inquirenti c'è anche la pista dolosa.

Il capannone andato a fuoco ora è a rischio crollo. Le forze dell'ordine stanno effettuando accertamenti tecnici e sulla proprietà, al termine dei quali l'autorità giudiziaria deciderà con quale ipotesi aprire il fascicolo e a chi delegare le indagini.

Nokia 6 2018 è ufficiale: scheda tecnica completa e prezzo
Il dispositivo rappresenta un degno successore del modello dello scorso anno, dotato di qualche miglioramento in più. La società finlandese ha rivelato che il nuovo smartphone Android sarà disponibile nelle colorazioni nera e argento.

In questo momento dopo ore ore di lavoro pare che l'incendio sia sotto controllo dopo che i vigili del fuoco hanno lavorato a punto tutta la notte per domare le fiamme e rimangono vivi soltanto a piccoli focolai considerati non pericolosi.

Dalla struttura di circa 2000 metri quadrati si è alzata una grossa nube di fumo nero che si sta espandendo nelle zone circostanti. "Noi sindaci della zona siamo stati contattati a due ore dall'inizio dell'incendio da un funzionario dell'Arpa il quale, considerato il rischio ambientale, ci ha chiesto di monitorare il paese". "Abbiamo posizionato un campionatore ad alto volume nella direzione in cui spirava il vento, verso la Cascina San Giuseppe - spiega ancora Angela Alberici -". L'ordinanza si estende anche alle attività commerciali e industriali, e precisa che "i prodotti ortofrutticoli derivanti dalla coltivazione dei terreni posti al di fuori della zona interessata ma in zone immediatamente prospicienti, dovranno essere sottoposti prima della consumazione ad accurato lavaggio in acqua corrente e potabile". "A titolo precauzionale il sindaco di Corteolona e il sindaco di Inverno e Monteleone stanno predisponendo apposite ordinanze prevedendo anche il divieto di consumo di ortaggi e verdure a foglia larga".

Il capannone, infatti, era in disuso da tempo e non si esclude che possa contenere plastiche, pneumatici o rifiuti. Sul posto sono arrivate anche le Gev, le guardie ecologiche volontarie che operano in Bassa pavese e su Pavia città, insieme ai carabinieri forestali.

Share