Reddito di inclusione: al Sud il numero più alto di domande

Share

I dati diffusi ieri dall'Inps vedono in prima linea le regioni del mezzogiorno.

Solo nello scorso mese di dicembre le richieste per questo tipo di sussidio sono state quasi 80 mila, un dato allarmante se si pensa al fatto che la povertà è in costante aumento.

Il primo giorno valido per la presentazione delle domande a Vercelli c'è stato un po' di caos (LEGGI QUI). In totale le domande del meridione ammontano al 64% del totale. Nel centro Italia il primo posto lo guadagna invece il Lazio con l'invio di 5.237 domande (6,9%) per la richiesta di sussidio, seguono Toscana con 4.130 (5,4%) e Abruzzo con 2.636 (3,5%). Mentre ancora nessuna richiesta da Puglia e Provincia Autonoma di Trento, mentre dalla Provincia Autonoma di Bolzano le richieste arrivate sono solamente 8. Sono 75.885 a livello nazionale, 3.138 domande in Piemonte.

Uomini e Donne, Graziella attacca la redazione: "A loro interessa solo l'audience"
Le esterne di Nicolò verranno mostrate, infine, nella prossima registrazione a causa del tempo esaurito... Le due pretendenti che hanno messo in confusione il tronista torinese sono Marianna e Angela .

A regime, dopo luglio, la misura riguarderà una platea di 700.000 famiglie per circa 2,5 milioni di persone.

I nuclei familiari che possono avere accesso al ReI devono essere in possesso di un ISEE non superiore a 6mila euro e di un ISRE (l'ISEE suddiviso per la scala di equivalenza) non superiore a 3mila euro, oltre ad un patrimonio immobiliare, prima casa esclusa, che non superi i 20mila euro e un patrimionio mobiliare (libretti postali, conti correnti) che non oltrepassi i 10mila euro. La misura che prevede anche un progetto personalizzato per aiutare il nucleo ad uscire dallo stato di bisogno prevede un beneficio economico fino a 187 euro nel caso di componente unico della famiglia e un tetto di 485 euro al mese nel caso di famiglia in difficoltà con almeno cinque persone.

Il beneficio sarà erogato tramite la "Carta Rei", con la quale, oltre all'acquisto dei generi previsti per la Carta acquisti, potranno essere prelevati contanti entro un limite mensile non superiore alla metà del beneficio. Grazie alla sinergia fra il comune e l'azienda Agro Solidale, che gestisce il settore dei servizi sociali nell'ambito S1-03 di cui Pagani è capofila, saranno predisposte circa sessanta borse-lavoro e tirocini formativi.

Share