Mihajlovic avvisa il suo Torino: "Basta passi da gambero!"

Share

Vuole tenere tutti sulla corda, Mihajlovic, e lo dice esplicitamente: "Dopo Roma ho detto ai ragazzi che abbiamo superato alla grande un ciclo di partite molto difficile". La banda di Allegri non perde quasi mai ma, come spesso ricorda Mihajlovic, non esistono squadre perfette: e allora il Torino dovrà cercare di approfittare delle imperfezione dei bianconeri e far proseguire la sua avventura in Coppa Italia.

Lo sguardo è rivolto solo alla Spal, guai ad alzare l'orizzonte alla serie di partite che potrebbero rimettere le ali al Toro nella corsa per l'Europa. Come formazione abbiamo visto di avere a disposizione diverse soluzioni, sia per iniziare che a gara in corso. E' una partita importante, vogliamo regalare un buon Natale a noi e ai nostri tifosi. Tutti dobbiamo remare dalla stessa parte, chi gioca e chi sta in panchina, compatti e consapevoli che se giochiamo come sappiamo si porta a casa il risultato. Chiosa finale su Simone Edera: "Deve continuare così, cercando di sfruttare le occasione che gli vengono concesse". Vedremo se sarà titolare o no: è una soluzione importante ma deve mantenere la testa sulle spalle, senza montarsi la testa. Davanti, domani, Mihajlovic si aspetta molto da Belotti: "Il Gallo è tornato, sta bene, e adesso spero soltanto che segni". Il suo Torino ha appena eliminato la Roma dalla Coppa Italia e il tecnico granata si gode il successo ai microfoni di Rai Sport: "Una grandissima vittoria, sono contento per la qualificazione e soprattutto per la prova di carattere di stasera". Però il gruppo conta sempre più del singolo, se non c'è Ljajic ci sarà qualcun altro, nessuno è indispensabile, tutti sono importanti.

Jorginho, vincere si può: "A Natale campioni d'inverno"
Con il Torino è stata una partita bella, si è visto subito che la squadra era in crescita e stava tornando sulla strada giusta. Credo sia stata una delle mie migliori prestazioni in stagione, per noi è fondamentale giocare come sappiamo.

In conferenza stampa pre-partita il tecnico serbo ha tenuto alta la concentrazione: "Tutte le partite di Serie A sono difficilissime". Edera anche quando è in campo punta l'avversario senza paura. Ma se io vedo un giocatore bravo e forte, mi fa piacere farlo giocare.

Mercato? Non ci penso, voglio ragionare solo a queste ultime tre gare, poi ci sarà la sosta per fortuna.

Share