Ex calciatore scomparso, il corpo di La Rosa nel bagagliaio di un'auto

Share

Scomparso lo scorso 14 novembre, Andrea La Rosa, ex calciatore e pronto ad allenare la squadra del Brugherio come da contratto, è stato ritrovato privo di vita dai carabinieri questo pomeriggio. Il cadavere si trovava nel bagagliaio di un'auto fermata sulla Milano-Meda. In queste ore due persone, secondo quanto scrive La Repubblica, vengono ascoltate dal pm Eugenio Fusco e dagli uomini del nucleo investigativo dei carabinieri di Milano che si occupano delle indagini: non si sa se siano coinvolte nel delitto.

E' stato reso noto che anche l'Audi A3 del giovane era scomparsa e che il suo conto in banca era stato ripulito. Infatti chi lo conosceva aveva garantito che non aveva motivo di allontanarsi volontariamente e senza farlo sapere, e non risultava nemmeno avesse prenotato biglietti ferroviari o aerei o varcato il confine del Paese. Quando l'auto è stata fermata, era presente una donna. Il possibile movente dell'omicidio è sarebbe questione di "prestiti facili agli amici". "Di certo, nulla a che fare con il calcio". La Rosa aveva giocato diversi anni in serie C, poi era entrato nel settore del marketing e della pubblicità.

Razzi: "Proverò a portare l'Inter in Corea del Nord"

Si era formato negli Stati Uniti e aveva fatto uno stage nel Milano. Lavorava come socio di un'azienda di consulenza, ma continuava quotidianamente a seguire la squadra del Brugherio - considerato Eccellenza lombarda -. Chi aveva parlato con lui aveva raccontato di non averlo visto particolarmente agitato. L'ex calciatore era stato visto il 14 novembre nella sede della società di calcio Brugherio 1968, di cui era direttore sportivo, per la presentazione del nuovo allenatore Marco El Sheikh.

Share