Spara a ladro, per lui pena più alta rispetto al malvivente

Share

Giuseppe Chiarini, 40enne di Calcinatello (Brescia) la sera del 29 gennaio 2016 dal balcone di casa esplose alcuni colpi di fucili e ferì il 20enne romeno Cristian Filimon, che stava con altri connazionali caricando una cassaforte su un furgone.

Tutti gli altri componenti della banda - romeni e moldavi che per mesi avevano preso di mira i bancomat della provincia - si sono visti infliggere condanne tra i due e i quattro anni. Ora, però, Chiarini è stato condannato per tentato omicidio, con una pena di quattro mesi più alta rispetto al malvivente che era stato ferito.

Il ladro ha patteggiato una pena inferiore di quattro mesi rispetto al cittadino.

Cronología del diálogo en Venezuela
Máspero sostuvo en entrevista para Unión Radio que las instituciones han denunciado la situación de salud que atraviesa Venezuela. El fin de semana se llevó a cabo la primera ronda de negociación en República Dominicana , donde no se llegó a ningún convenio.

"Ho sentito i rumori, mi sono affacciato e ho visto gente incappucciata e armata".

Le frasi che il "capo" ripeteva al telefono sono purtroppo diventate celebri. "L'Italia una volta era buona, adesso è buona solo per fare bancomat", diceva Pohirib a poche ore dall'esplosione di un bancomat a Offlaga, di cui ovviamente loro erano i protagonisti.

"Non mi stupisco, questa è l'Italia", si è sfogato Chiarini sulle pagine del Giornale di Brescia.

Share