Rottamazione cartelle: domani scade la terza rata. Modifiche al calendario dei pagamenti

Share

Questo termine varrà anche per tutti i contribuenti che in passato avevano richiesto un pagamento in rate per la rottamazione delle cartelle esattoriali, ma non avevano poi onorato l'impegno.

La nuova rottamazione delle cartelle esattoriali abbraccerà tutti i ruoli degli ultimi 17 anni.

Come si paga il conto della rottamazione Per chi ha scelto di pagare a rate, il 70% delle somme dovute deve essere versato nell'anno 2017 e il restante 30% nel 2018. Per il 2017, la scadenza delle singole rate è fissata nei mesi di luglio, settembre e novembre, tenendo conto che le tre rate in scadenza nel 2017 sono "regolari" se pagate entro il 7 dicembre 2017; per il 2018, la scadenza delle rate è fissata nei mesi di luglio (la scadenza di aprile è stata prorogata a luglio) e settembre. Si potrà anche optare di pagare l'intera rata a luglio 2019 in questo caso non si dovranno pagare gli interessi legali.

Le lenzuola vanno cambiate ogni settimana. Ecco perché
Tutto considerato, quindi, cambiare le lenzuola una volta a settimana sembra essere il minimo. Poggiare la testa sul cuscino "sporco" può provocare raffreddore, mal di gola o allergie.

Il comunicato ricorda infine che il mancato pagamento delle rate prevede l'esclusione dei contribuenti dalla sanatoria. Il decreto fiscale collegato alla Manovra consente infatti a coloro che hanno aderito alla Definizione Agevolata 2016 di regolarizzare la propria situazione ed effettuare il pagamento delle rate scadute e non versate a luglio, settembre e novembre 2017 (il termine e' stato prorogato dal 30 novembre).

L'Agenzia delle Entrate-Riscossione invierà per posta ordinaria, entro il 31 marzo 2018, una comunicazione con l'indicazione di eventuali carichi dell'anno 2017, affidati in riscossione entro il 30 settembre, per i quali non risulti ancora notificata la relativa cartella di pagamento.

In alternativa è possibile scaricare il modello DA 2000/17 dal portale agenziaentrateriscossione.gov.it, compilarlo e presentarlo agli sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione.

Share