Milan, Gattuso: "Dobbiamo sbloccarci mentalmente. Biglia-Locatelli titolari"

Share

I ragazzi stanno dando grandissima disponibilità, lo dico già da tre conferenze. Non è un caso che in serie A il Milan corre meno di tutti insieme al Torino, stiamo facendo dei carichi importanti ma dobbiamo stare attenti a non perdere nessuno per la strada, bisogna migliorare la condizione fisica, dobbiamo andare piano piano perchè se esageriamo con i carichi rischiamo di recare danni ai giocatori.

Gattuso su Kalinic: "In questi due giorni abbiamo fatto carichi importanti, Kalinic e gli altri hanno una grande voglia, la scelta di lasciare qualcuno a casa è per concedere riposo e mettere forza nelle gambe ad alcuni giocatori". Mi chiedete sempre come stiamo a livello fisico. Sui problemi: "A livello fisico non stiamo benissimo, ma non deve essere un alibi".

"Dai giocatori mi aspetto quello su cui lavoriamo durante la settimana - spiega Gattuso -". Diamo l'impressione di non essere brillanti, di non avere brillantezza. Più chiaro di così...

Non sono mancate però note positive domenica al Vigorito di Benevento: Bonaventura è sembrato un giocatore ritrovato (goal e assist) ora chiamato alla prova della continuità. "Cercavano campioni e io".

Alfano, non mi candido alle elezioni
Alfano ha anche detto di essere "stanco degli attacchi subiti" in questi anni. "Dal 5 di marzo, se si voterà il 4, non sarò ne ministro ne deputato ".

Su Gattuso e la paura che genera: "Paura no, è un onore essere allenati da lui, ha vinto tantissimo col Milan, è un esempio, ci ha portato tanto entusiasmo".

Le aspettative di Rino Gattuso per il match di domani e in generale per i prossimi impegni: "Voglio che la squadra sappia soffrire, che abbiano voglia".

Giovedì 7 dicembre alle 19 si giocherà Rijeka-Milan, incontro valido per la sesta ed ultima giornata del Gruppo D di Europa League. "Avevamo perso in semifinale 4-0 con il Dortmund in Germania e non eravamo riusciti a recuperarla a San Siro".

SULLA SFIDA - "Mi aspetto una sfida in un'atmosfera calda, il loro pubblico li sosterrà tantissimo". Voglio vedere senso di appartenenza, non dare sensazione di paura. "Diamo la possibilità a chi ha giocato poco in questi mesi, voglio vedere se i giocatori hanno voglia, quando si gioca in Europa e si indossa la maglia del Milan bisogna impegnarsi fino alla fine". "Non era facile contrastare una punizione così bassa, forse c'è un piccolo errore di Abate". Segui su TMW le parole dell'allenatore rossonero e di Manuel Locatelli. La mia prima partita europea invece è stata Chelsea-Milan, con Zaccheroni in panchina e Deschamps e Desailly nei Blues. E' stata una grande emozione, è stata una gara molto difficile, abbiamo pareggiato 0-0. Ero all'oratorio a vederla nel tendone, con la famiglia.

Share