Siena: casa all'asta per mutuo, donna tenta suicidio

Share

Una storia che dura da tempo e per la quale Sandra Pelosi, la protagonista della storia, è arrivata a un gesto di dimostrazione estremo.

Si è tagliata le vene in aula del tribunale civile di Siena, non appena è arrivata un'offerta di acquisto per la sua casa finita all'asta giudiziaria per l'insolvenza di un mutuo. Immediatamente soccorsa e trasportata al prontosoccorso dell'ospedale di Siena, non è in pericolo di vita. A compiere il gestouna donna, disabile dopo un incidente sul lavoro nel 2010 chegli avrebbe anche compromesso la capacità di pagare il mutuo da500 mila euro contratto con una banca per la sua attivitàlavorativa.

Il mutuo da 500mila euro era stato sottoscritto per le attività imprenditoriali.

Teramo: sfiducia a Brucchi. Pagano (FI): "Brutta pagina della politica"
Lo afferma Camillo D'Alessandro, consigliere regionale e presidente dell'assemblea regionale del PD. Il senso di responsabilità di tutti ha prevalso.

Le banche hanno ipotecato la casa della signora toscana e, infine, l'immobile è finito all'asta, svoltasi proprio stamattina. "Ho subito la peggiore umiliazione, che si possa subire - ha detto al Fatto Quotidiano -".

Sandra Pelosi si era vista modificare il mutuo e tutte le posizioni aziendali, secondo Il Corriere di Siena, dopo l'incidente. Oggi si è presentato in tribunale uno che ha comprato, a poco più di200mila euro, la mia casa, la casa della mia vita. "Non è giusto mi hanno ridotto in condizioni disperate". Così gli avvocati Valter Biscotti e Valeria Passeri legali della donna che ha tentato il suicidio.

Share