Juventus, Allegri: "Con l'Olympiacos più importante che con il Napoli"

Share

Miralem ha un affaticamento muscolare, non posso rischiare anche Gigi che ha un problema al polpaccio, ma se non ci sarà giocherà Szczesny.

Alla vigilia della sfida di Champions League contro l'Olympiakos, decisiva per la qualificazione agli ottavi di finale, il tecnico bianconero Massimiliano Allegri si è espresso a proposito dell'importanza del match.

Indagine sui Laudani a Milano, arrestato vicepresidente onorario del Foggia Curci
Furono sequestrati appartamenti e autovetture di grossa cilindrata, denaro e polizze assicurative nella disponibilità dell'indagato.

Dopo la vittoria di Napoli, Allegri sembrerebbe tentato dalla continuità: sarà, probabilmente, ancora 4-3-2-1. Domani è il primo obiettivo della stagione, in campionato il tempo per recuperare c'è in Champions no. O vinciamo o rischiamo di essere eliminati. Higuain? Domani gioca anche perché sta bene fisicamente e mentalmente. Intervenuto in conferenza stampa, Allegri ha rilasciato le seguenti dichiarazioni, riportate dalla Gazzetta dello Sport: "Il San Paolo non ci ha fatto svoltare la stagione, è stato solo un risultato importante". Siamo sereni e concentrati sulla partita di contro l'Olympiacos che è fondamentale, perché vale il primo obiettivo stagionale. Pjanic e Buffon non stanno benissimo, perciò sono in ballottaggio. Non ho ancora deciso se dietro, con Chiellini out, gioca Rugani o gioca De Sciglio. Venerdì c'era Matuidi in più, poi Douglas Costa che a Napoli ci ha aiutato tanto, ha capito com'è il calcio italiano, rientrando anche per difendere. "A Napoli siamo andati quasi come vittima sacrificale, invece i ragazzi hanno risposto alla grande". Far riposare qualcuno? Abbiamo giocato quattro giorni fa, abbiamo avuto il tempo di riposare e avremo il tempo di riposare in vista dell'Inter. Dybala? Sarà un test importante per lui perché deve pretendere di più da se stesso e deve tornare a fare prestazioni del livello che gli competono e domani deve provare ad essere decisivo. Le grandi sfide ti danno adrenalina, emozione e sono belle da giocare. "Abbiamo affrontato la gara con la mentalità che è nel DNA del club". Queste le sue parole: "I blackout servono e dobbiamo tenerli bene a mente per non fare di nuovo gli stessi errori, quindi bisogna essere bravi a continuare migliorando le cose che dobbiamo migliorare".

Su Benatia: "E' un grandissimo difensore, per noi è fondamentale".

Share