Dottoressa violentata, procura di Bari: "Impugneremo la scarcerazione di Zecca"

Share

Il ritardo nella denuncia ha quindi determinato la scarcerazione dell'uomo con concessione dei domiciliari. "Impugneremo sicuramente" la decisione del Riesame, ha detto il procuratore Giuseppe Volpe, perché, "ravvisiamo la connessione con reati procedibili d'ufficio e questo supera il problema della improcedibilità per querela tardiva". La Procura, ricostruendo in una nota la vicenda e spiegando le singole condotte persecutorie, insiste nel ritenere che la contestazione di stalking comprenda altri reati procedibili d'ufficio, "quali il delitto di minacce gravi, di violenza privata, violazione di domicilio aggravata, molestie alle persone, procurato allarme". "Non siamo impazziti - continua Volpe - tanto da contestare un reato improcedibile perché denunciato troppo tardi. Stiamo predisponendo il ricorso e domani - annuncia il procuratore - avrete tutti i dettagli".

Venezuela adoptará una criptomoneda
Con el salario mínimo de un mes de 177.507 bolívares apenas se pueden comprar 1.7 dólares. Eso favorece las operaciones de decenas de computadoras con un alto consumo de energía.

Nella richiesta di custodia cautelare la procura di Bari scriveva che Zecca aveva esercitato nei confronti della professionista "un'opera di lenta e crescente persecuzione, arrivando a maturare una vera e propria ossessione nei suoi confronti". L'incubo della donna sarebbe cominciato nell'ottobre 2016, costretta persino a cambiare tre diverse sedi di lavoro fino a quando ha deciso di sporgere denuncia contro l'uomo.

Share