Citylife, il centro commerciale a Milano: negozi e informazioni utili

Share

Si continua con una una galleria commerciale su 3 livelli progettata da Zaha Hadid Architects, l'ampia Piazza Tre Torri firmata da One Works che richiama in maniera evidente l'atmosfera di Piazza Gae Aulenti a Garibaldi, non molto distante e "parente" nella contestualità di costruzioni e negozi.

Apre oggi le porte CityLife Shopping District - il distretto commerciale urbano più grande e innovativo in Italia - pronto ad accogliere i visitatori in un ambiente unico, con un'offerta commerciale distintiva e attrazioni per il tempo libero, il benessere e lo shopping: un nuovo mondo nel cuore di Milano.

I negozi presenti all'interno del Citylife Milano sono davvero tantissimi e propongono al pubblico una vastissima gamma di servizi, per andare incontro alla soddisfazione di sempre più alte aspettative di consumo. Saranno aperti dalle 9 alle 21, mentre le sale proiezione di Citylife Anteo e i 20 punti di ristorazione resteranno aperti sino alla mezzanotte.

Nel segmento dedicato alla casa e alla tecnologia trovano spazio, tra gli altri, il primo flagship store europeo di Huawei e i negozi per la casa Habitat e Democracy Design.

Ilva, Manganaro (Fiom Cgil): "Emiliano faccia un passo indietro"
Dire che l'ilva può essere del tutto decarbonizzata è una fesseria, non dovete dare sponda a chi dice queste cose che non esistono.

Tra le insegne della moda, oltre ai grandi spazi assegnati a Ovs e Coin (che aprirà a marzo) ci sono marchi di primo piano come Adidas, Beatrice B, Ck, Dixie, Guess, Imperial, Marella, Max&Co., Napapjiri, Paolo Tonali, Piquadro, Tommy Hilfiger, Valerio 1966 e Timberland, oltre al multimarca Incontri.

Per il settore food, CityLife assisterà al debutto in Italia del ristorante Fresh Mex Calavera e dello steak restaurant Roadhouse Meatery oltre che dell'american bar East River - Brooklyn Brewery. 7 sale cinema, una capienza totale di 1.200 posti a sedere e un'altissima tecnologia per una qualità della fruizione senza sconti.

Prima di arrivare a regime e di raggiungere l'obiettivo dei sette milioni di clienti, Citylife Shopping District potrà contare su un bacino di utenza di 700mila persone, di cui fanno parte i dipendenti delle torri di Allianz (già operative) e Generali (apriranno a luglio 2018) e i residenti delle abitazioni di lusso disegnate da Zaha Hadid, l'archistar da poco scomparsa che ha anche disegnato lo shopping center, dandogli le sembianze di un bosco, rivestito di bamboo dal pavimento al soffitto, con colonne che sembrano alberi. Si tratta di un'area verde dove fare sport, vivere la natura, poter passeggiare nel centro città a due passi dalla Metropolitana linea Lilla (M5). Saranno inoltre disponibili circa 1.500 posti auto per chi accederà allo Shopping District in macchina.

Share