Napoli-Shakhtar: 3-0. Basta un tempo da leoni per demolire gli ucraini

Share

I partenopei entrano più convinti in campo e si rendono subito pericolosi con un cross tagliente di Insigne con sponda di Callejon che viene allontanata dalla difesa ucraina. Gli ucraini sono stati presi in velocità: "Loro erano vulnerabili sulla palla scoperta e in profondità e nel primo tempo abbiamo sbagliato i tempi della giocata". Come detto, succede tutto nella seconda frazione di gioco.

Gli azzurri non mollano nemmeno le briciole e se anche dovessero uscire dalla massima competizione europea lo faranno sicuramente lottando fino all'ultimo secondo.

Risposta al 10′ degli ucraini con Tyson, che davanti a Reina ha calciato fuori.

Molto cambia quando si rientra negli spogliatoi e probabilmente il tecnico azzurro avrà fatto tremare le mura, perchè assolutamente non soddisfatto da quanto proposto dai suoi.

Carraro: "Ringrazio De Laurentiis, darò il mio contributo per la ricostruzione"
Franco Carraro? È già stato presidente della FIGC ed è un uomo di grande esperienza, ma ripeto non spetta a me dare giudizi. Lui potrebbe avere i numeri per trasformare questa Federcalcio, perchè lui è un grande sportivo.

Quel gol che Gonzalo Higuain ha segnato all'Alvalade vale tantissimo: se la Juventus avesse perso a Lisbona, oggi avrebbe gli stessi punti dello Sporting (5) ma in virtù dei gol in trasferta sarebbero i portoghesi a essere in vantaggio. Al 55' Insigne dall'out sinistro rientra sul destro saltando due uomini e lascia partire un tiro a giro dai 30 metri che non lascia scampo al portiere. La rete che ha sbloccato la partita è tra quelle più belle del talento di Frattamaggiore.

NAPOLI (4-3-3): Reina; Maggio, Albiol, Chiriches, Hysaj; Zielinski, Diawara, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne.

Il raddoppio però è arrivato con lo stesso Zielinski al minuto 81. Le due squadre, dopo la sosta, hanno ricominciato in maniera diversa con il Napoli che ha battuto il Milan 2-1 nell'anticipo del sabato mentre lo Shakhtar ha perso in casa, a sorpresa, contro il modesto Olexandra.

Sarri alle prese con due dubbi di formazione: Mario Rui dovrebbe riposare, sconsigliabile l'impiego in incontri così ravvicinati in una fase in cui sta recuperando la migliore condizione, assolutamente probabile l'impiego di Maggio con Hysaj che scala a sinistra.

Share