Ecco Sky Q, il futuro nella visione della pay-Tv satellitare

Share

Nessuno ci può salvare dal futuro, perché il futuro è già qui, e se un tempo lo si immaginava nella sci-fi, l'arrivo di Sky Q nel panorama già sfaccettato delle nuove modalità di fruizione televisiva amplifica il salto tra il presente digitale e un presente iperconnesso in cui la parola digitale rimane, ma va a braccetto con una sinergia tra strumenti che crea un ecosistema a dimensione domestica.

Sky Q offre un'esperienza di visione tutta nuova. Il box chiaramente integra tutto quello che Sky ha portato avanti in questi anni dalla registrazione alla pausa, passando anche per l'on demand come anche per il restart. Da non sottovalutare anche la possibilità di trasferire sul proprio smartphone o tablet le registrazioni presenti su Sky Q Platinum mentre con il Download & Play si potranno scaricare i programmi on demand per visionarli ovunque anche offline.

Sky Q, lo ricordiamo, è un ecosistema di prodotti e servizi. Viene supportata la riproduzione di cinque contenuti in contemporanea su altrettanti dispositivi e televisori, mantenendo le funzioni di registrazione e pausa.

Dopo l'esordio in diversi Paesi europei, anche per l'Italia è arrivato il momento del lancio ufficiale di Sky Q, un'offerta, come afferma la stessa Sky, che "apre un nuovo capitolo nell'innovazione tecnologica dell'azienda, un percorso che porterà gli abbonati verso l'esperienza di visione più evoluta e coinvolgente di sempre". Volendo semplificare, si tratta si un "super decoder" in grado di permettere visione multipla di programmi, su vari device (5 contemporaneamente, per un massimo di due tablet e 3 tv, e fino a 4 registrazioni nello stesso momento), on demand (riprendendo da dove si vuole la visione del programma nello stesso punto in cui è stato lasciato) e attraverso una piattaforma nuova pensata per facilitare il contatto del cliente con le sue preferenze, anche attraverso consigli. Sarà quindi possibile visualizzare, oltre che ai programmi in diretta, anche quelli on demand o registrati attraverso il decoder principale.

Con il nuovo Sky Q sarà possibile accedere ad un nuovo mondo di applicazioni che sono state completamente rinnovate e arricchite di nuovi contenuti. Sarà possibile iniziare la visione di un device per proseguirla su un altro o far iniziare in maniera automatica l'episodio successivo di una serie che si sta guardando grazie all'Autoplay. Progettato per garantire la velocità d'uso e facilità di impiego nella nuova interfaccia Home di Sky Q. In questo caso ci saranno le nuove Sky Sport e Sky TG24 per essere aggiornati sulle news di sport e di attualità, Sky Help che permetterà di scoprire qualsiasi funzionalità di Sky Q ed infine anche My Photos che garantirà all'utente di scorrere sulla TV le proprie immagini.

L’interfaccia di Sky Q
L’interfaccia di Sky Q

La nuova Home di Sky Q, sia su tv, sia su smartphone e tablet, include servizi innovativi.

Nei prossimi mesi è prevista l'introduzione delle modalità 4K HDR (High Dynamyc Range), Sky Soundbox e Voice Control. Il Voice Control servirà per controllare la tv con i comandi vocali.

I clienti Sky potranno prenotare Sky Q a partire da domani, giovedì 23 novembre, mentre la commercializzazione inizierà dal 29 novembre. Per poterne usufruire sarà necessario avere il nuovo Sky Q Platinum che un tecnico specializzato Sky installerà e attiverà al costo una tantum di 199€. Per i clienti Sky da più di 6 anni con servizio HD, il pacchetto ha un canone aggiuntivo in fattura di 4€. Per avere accesso ai contenuti Sky Q sarà inoltre necessario sottoscrivere il pacchetto Sky Q Plus, con offerte specifiche dedicate a chi è già cliente.

Per i clienti Sky da meno di 6 anni e per i nuovi clienti, sempre con servizio HD attivo, il pacchetto Sky Q Plus ha invece un canone aggiuntivo in fattura di 15€, lo stesso dell'attuale servizio Sky Multiscreen, con in più il vantaggio di poter avere senza altri costi ricorrenti tutta l'esperienza di visione Sky Q nelle altre tv della casa, fino a quattro in più oltre alla principale.

"Nessun parli: musica e arte oltre la parola" all'Istituto Perotto-Orsini
La musica, in particolare, viene ufficialmente richiamata come componente del fabbisogno educativo di base di ogni studentessa e di ogni studente.

Share