Enel: Starace, piano mostra crescita stabile e solida del dividendo

Share

Ed proprio con il piano industriale al 2020 presentanto a Londra che arriva un nuovo battesimo per e-solutions, la divisione del gruppo per i servizi digitali ai clienti che da oggi diventa Enel X e si concentra su quattro pilastri per "aprire l'energia a nuovi usi": dall'e-Industry offrirà soluzioni a grandi clienti commerciali e industriali all'e-Mobility, dall'e-Home, che offre soluzioni di domotica all'e-City, che offre servizi di energia integrati alle pubbliche amministrazioni e alle municipalità, e soluzioni per la connettività come l'offerta wholesale di servizi di fibra ottica. Più attenzione ai mercati maturi, ma in Italia soprattutto investimenti in reti. Circa il 60% di tale crescita sara' assicurata da un aumento dei margini e il 40% dalla riduzione dei costi operativi su base cumulata, garantendo cosi' rendimenti solidi e a due cifre sugli investimenti. Quanto al Mol, raggiungerà quota 18,2 miliardi nel 2020, rispetto ai 15,5 previsti nel 2017, mentre l'utile netto salirà da 3,6 a 5,4 miliardi. Anche grazie alla digitalizzazione, il gruppo prevede di ottenere una maggiore efficienza operativa con un obiettivo di risparmi per 1,2 miliardi nel 2020 rispetto al 2017.

Trapani, domani le celebrazioni della "Virgo Fidelis" patrona dei Carabinieri
Per quel fatto d'arme fu conferita alla Bandiera dell'Arma dei Carabinieri la seconda Medaglia d'Oro al Valor Militare . L'8 dicembre 1949 Sua Santità Pio XII, accogliendo l'istanza di S.E.

Nei prossimi tre anni, inoltre, il gruppo prevede di cedere ulteriori asset esistenti per 3,2 miliardi di euro, principalmente focalizzandosi su impianti di generazione da fonte termoelettrica e uscendo da paesi non strategici, e prevede di investire un ammontare fino a 4,7 miliardi di euro nel modo seguente: 2,3 miliardi di euro, nell?acquisizione di partecipazioni di minoranza; 2 miliardi di euro, in acquisizioni nel business delle Reti e di e-Solutions; per i restanti 400 milioni di euro, in equity partnership. "Abbiamo aumentato la nostra redditività e rispettato gli obiettivi previsti", sottolinea Starace. "Tutti questi risultati sono stati conseguiti nonostante condizioni generali di scenario molto piu' sfidanti di quelle attese". Una scelta motivata dalla necessità di procedere più rapidamente sulla strada dell'innovazione, ha spiegato Francesco Starace, amministratore delegato di Enel, che vede l'azienda "all'avanguardia nella transizione energetica globale", specialmente "in macro-aree fondamentali per la crescita sostenibile quali le rinnovabili e le reti di distribuzione digitalizzate". Possiamo estrarre valore dai trend dell'urbanizzazione, dell'elettrificazione della domanda e della profonda decarbonizzazione che ne consegue, per cogliere le opportunita' che derivano dal radicale cambiamento che scuote l'intero settore energetico. "Il Gruppo è oggi un'organizzazione più redditizia, efficiente e sostenibile".

Share