Dybala gela i tifosi: "Non prometto la Juve a vita"

Share

Dichiarazioni rilasciate a sette mesi dalla doppia sfida nei quarti di finale della scorsa edizione di Champions League tra i bianconeri e il Barcellona, in cui la Joya risultò decisivo con una doppietta nel 3-0 del match di andata. Sembra guidato da questo principio Paulo Dybala che, intervistato da France Football sul suo futuro, decide di non sbilanciarsi: "Io alla Juve a vita?". Quel passaggio del turno aprì le porte alla finale di Cardiff del 3 giugno, persa rovinosamente contro il Real Madrid: proprio da quella partita prendono il via i ricordi di Dybala.

SU MESSI - Per i blaugrana, o meglio per alcuni campioni che hanno vestito e che vestono tuttora quella casacca, Dybala pare nutrire una particolare ammirazione. "Abbiamo sbagliato completamente il secondo tempo, io mi sentivo impotente". In Europa, invece, il gol manca da quella sfida contro i catalani dell'11 aprile all'Allianz Stadium. Messi? Ho sempre ammirato Ronaldinho, anche quando ero più piccolo, ma Leo è come Maradona per quelli della nostra generazione.

"Gigi Buffon? Una vera leggenda". Per me è un onore giocare insieme a lui in Nazionale. Ci ha trascinati al Mondiale nella partita con l'Ecuador, è un leader. Attualmente ha un contratto lungo con i bianconeri, ma si parla già di un nuovo prolugamento, il diretto interessato è molto prudente: "Voglio vincere il più possibile, è l'unica cosa che voglio".

Qualcosa in casa Dybala deve essere successo.

Avance sessuali. Cbs sospende il giornalista Charlie Rose
Ho agito qualche volta mancando di sensibilità e accetto la responsabilità di questo, anche se non ritengo tutte le accuse fondate".

"Io alla Juve per sempre?" E sul futuro in bianconero, niente promesse: "Non so se resterò alla Juventus a vita". ha confessato.

Parole forti, che sembrerebbero aprire scenari di mercato futuri che potrebbero riguardare Dybala, arrivato in Serie A nel 2012 con il Palermo e a Torino dall'estate 2015.

Il presente, intanto, fa rima con Juventus. Penso al presente, nel calcio di oggi non si sa come sarà il futuro. Conquistare il terzo scudetto in tre stagioni in bianconero e arrivare in fondo alla Champions League 2017/2018 sono le priorità di squadra.

PALLONE D'ORO - Fra questi rientra anche la caccia negli anni a venire del Pallone d'Oro. "Una volta, davanti a un falò con amici, abbiamo tutti espresso un desiderio e il mio era proprio questo". Al momento Neymar è vicino a conquistarlo ed è prossimo al livello di Messi e Ronaldo, io devo migliorare.

Share