La Marina argentina ha perso i contatti con un sottomarino

Share

Possibile tragedia tra i ranghi della Marina argentina che da oltre 48 ore ha perso i contatti con un sommergibile.

Papa Francesco assicura la sua "fervente preghiera" per i 44 membri dell'equipaggio del sottomarino San Juan, dispersi da mercoledì scorso.

Secondo i media locali sarebbe andato a fuoco il sistema radio all'interno dell'imbarcazione.

Il San Juan stava tornando da Ushuaia, nell'estrema zona meridionale dell'Argentina, verso la sua base operativa a Mar del Plata, vicino a Buenos Aires, quando improvvisamente si sono perse le sue tracce.

Zecchino d'Oro 2017 date e programma delle puntate
Lo speciale sarà un'occasione per ripercorrere le canzoni e i personaggi che hanno segnato questi sessant'anni di Zecchino d'Oro . Attraverso una donazione con SMS solidale sarà possibile sostenere la rete di mense, donando un pasto a chi non ce l'ha.

Enrique Balbi, portavoce della Marina Militare argentina, ha dichiarato alla stampa: "L'ultima posizione (registrata) era quella di due giorni fa". Al momento, tra le ipotesi la più accreditata è che ci possa essere stato un problema di tipo elettrico.

Intanto il ministro della difesa Oscar Aguad è tornato di corsa dal Canada dove si stata tenendo una conferenza Onu, mentre il ministro degli esteri ha reso noto che Cile, Stati Uniti e Regno Unito hanno fornito mezzi di ricerca ulteriori. In dichiarazioni al quotidiano Ambito, Langani ha ipotizzato che nel sottomarino "si potrebbero essere surriscaldate le batterie, il che provoca l'emissione di un gas clorato, che risulta mortale per gli esseri umani".

Anche il presidente Macrì ha espresso il suo pensiero in un Tweet di venerdì: "Ci impegniamo a utilizzare tutte le risorse nazionali e internazionali necessarie per trovare il sottomarino il prima possibile".

Share