Attentato Barcellona, Madrid ammette: "La mente dell'attacco alla rambla era nostro informatore"

Share

I servizi segreti spagnoli hanno fatto sapere di aver avuto come informatore Abdelbaki Es Satty, capo del gruppo jihadista responsabile delle stragi di Cambrils e Barcellona del 17 agosto.

La notizia, riportata da "El Pais" e confermata da fonti del Cni (il "Centro nacional de inteligencia"), riguarda l'imam di Ripoll, Abdelbaki Es Satty.

In totale morirono 15 persone e 134 rimasero ferite.

Il Papa: evitare accanimento terapeutico non significa eutanasia
Tutti riuniti in Vaticano, oggi e domani, per un dibattito sui vari aspetti toccati dal tema. Ed è sempre prendendo le mosse dal Catechismo, che il Papa sviluppa un altro concetto.

L'imam Es-Satty è morto nell'esplosione dell'abitazione usata dalla cellula terroristica per preparare gli attentati.

Il 17 agosto scorso a Barcellona un camion bianco si lanciò a folle velocità lungo las Rambla, via celeberrima della città catalana, meta prediletta dei turisti. I servizi avevano avvicinato Es Satty mentre era in carcere nel 2014 per traffico di droga.

Share