Ancora violenza sulle donne a Gela, mentre si avvicina la Giornata Internazionale

Share

L'ingresso alla serata sarà ad offerta libera: il ricavato sarà destinato al "Fondo a favore delle donne vittime di violenza" istituito quest'anno nel bilancio comunale.

Le conseguenze della violenza sullo stato di salute della donna assumono diversi livelli di gravità che possono avere esiti fatali, come il femminicidio o l'interruzione di gravidanza, o molto invalidanti come conseguenze di trauma (ustione avvelenamento o intossicazione) e psicologiche con problemi di salute che includono il Post Traumatic Stress Disorder (PTSD), depressione, abuso di sostanze e comportamenti auto-lesivi o suicidari, disturbi alimentari, sessuali. I dati finali del progetto Ccm sono stati presentati in un convegno che si è tenuto il 14 novembre al Ministero della Salute alla presenza del Ministro Lorenzin. Quasi l'85% dei casi di violenze su donne è compiuta da conoscenti (nei maschi tale percentuale è inferiore al 40%).

Durante la serata, patrocinata dal Comune di Milano, saranno letti alcuni brani di libri sulla tematica della violenza contro le donne e in particolare dal libro di Valentina Pitzalis, giovane è testimonial nelle scuole di FARE x BENE. Con una prevalenza della malattia significativamente superiore, "di oltre 5 volte", a quella del corrispondente gruppo di controllo di donne non vittime di violenza.

Vittorio Brumotti e la troupe di Striscia la Notizia aggrediti alla Montagnola
Subito allertate le forze dell'ordine hanno fermato due ragazzi del Gambia di cui si sta verificando la reale colpevolezza. S'è procacciato percosse, invece, e con lui la troupe di Striscia la Notizia picchiata da ceffi poco raccomandabili.

"Nei pronto soccorso partecipanti alla rilevazione Siniaca-Idb - dice Alessio Pitidis dell'Iss, coordinatore per l'Italia della sorveglianza dell'Injury Database europeo - per le donne aggredite in età fertile la seconda causa di accesso in pronto soccorso è stata la violenza sessuale: un caso ogni venti è dovuto a violenza sessuale". Un dato paragonabile, secondo gli esperti, a quello delle vittime di grandi disastri, compresi attentati terroristici.

Anche il nostro Paese non sfugge a questa triste realtà: gli ultimi dati italiani dimostrano che la violenza contro le donne è ancora un fenomeno ampio e diffuso anche se, va detto, emergono importanti segnali di miglioramento rispetto all'indagine precedente.

Controllo e risposta alla violenza su persone vulnerabili: la donna e il bambino, modelli d'intervento nelle reti ospedaliere e nei servizi socio-sanitari in una prospettiva europea.

Share