Test Valencia, miracolo Yamaha. Vinales: "Non sappiamo perchè"

Share

A portarla in pista per primo è stato Maverick Vinales. Il numero 25 del team Movistar ha effettuato 80 giri complessivi, nei quali ha potuto fare delle prove tra il telaio 2017 e quello 2016, così come dei test sul prossimo propulsore 2018 e una carena del tutto inedita, molto diversa da quella a cui siamo stati abituati durante lo scorso Campionato. Il pilota Yamaha, impegnato nei test post gara in programma oggi e domani e Valencia, è caduto alla curva 10 demolendo la sua M1. Una delle novità più importanti portate a Valencia dalla casa del diapason è poi il motore, che ha dato ottimi risultati specialmente con lo spagnolo, il più veloce alla bandiera a scacchi ieri.

Anche per il pilota di Sabadall, come per il compagno di squadra, la giornata è trascorsa facendo un lavoro di comparativa tra la vecchia e la nuova moto.

Completata questa due giorni di prove, la Yamaha si recherà in Malesia, dove il 27 ed il 28 di novembre effettuerà un test privato che, sicuramente, porterà alla scelta del motore che sarà montato sulla moto 2018.

Italia, il destino di Ventura è (quasi) segnato
Dopo la sconfitta per 1-0 in Svezia , gli Azzurri non sono andati oltre allo 0-0 e non hanno raggiunto la qualificazione. Ancelotti e Conte sono i due tecnici acclamati dalla folla, i due allenatori preferiti da tutti.

"Nel corso del warm up mi sentivo bene, ma forse ho spinto troppo e troppo presto" ha dichiarato Vinales, terzo in classifica iridata dietro a Marquez e Dovizioso.

L'ESORDIO DEI ROOKIES In questo Day 1, inoltre, sono scesi in pista tutti i nuovi arrivati della classe regina: stiamo parlando dei due titolari del team Marc VDS, ovvero il nostro Franco Morbidelli e il collaudatore Takumi Takahashi che ha preso provvisoriamente il posto dell'infortunato Thomas Luthi. Sostituirà Xavier Simeon che correrà con la Ducati Avintia insieme a Tito Rabat, ex Honda. Una crisi tecnica senza fine che ha portato quest'oggi, nell'ultima gara, a rispolverare il telaio 2016.

Share