IPhone X: bambino riesce a sbloccare lo smartphone della madre

Share

Una nuova notizia giunta direttamente dalla famiglia Sherwani di New York (località Staten Island) si correla a quanto appreso nel corso di questi mesi a proposito dell'affidabilità solo presunta dei sistemi di Facial Recognition made in Apple, per i quali si è indicato un funzionamento ad ampio raggio e la promessa di un sistema il cui margine di errore è infinitesimalmente più ristretto rispetto alla controparte Touch ID adottata quest'anno a bordo delle unità parallele iPhone 8 ed iPhone 8 Plus, che in luogo dell'inaffidabilità di dette soluzioni potrebbero verosimilmente ristabilire le sorti di un mercato in forte contrazione. La situazione mostrata nel video che trovate a fine articolo è però ancora più curiosa. In queste ore è apparso un nuovo video che mostra un bambino di 10 anni che sblocca l'iPhone della madre, suggerendo che qualsiasi membro della famiglia che abbia abbastanza somiglianza con il proprietario del telefono, possa essere in grado di aggirare il sistema. Come è potuto succedere?In questo caso, contrariamente al caso dei gemelli, non vi è affinità monozigote che consenta effettivamente di bypassare le limitazioni imposte dalla tecnologia. Infatti, reimpostando il sistema di riconoscimento e registrando il volto in condizioni di luce migliori, il sistema è stato in grado di funzionare correttamente, impedendo lo sblocco tramite il volto del bambino.

Apple dichiara che le chance che un estraneo ha di sbloccare un dispositivo mediante Face ID sono circa una su un milione.

IPhone X: bambino riesce a sbloccare lo smartphone della madre

Quello che comunque si nota e un volto particolarmente somigliante alla madre, proprio per questo riesce ad accedere senza problemi al suo iPhone X: ci troviamo quindi davanti al caso di sblocco non autorizzato che si verifica 1:1.000.000?

Difficile stabilire se dopo sessioni di utilizzo, da parte del bambino, il Face ID abbia imparato a riconoscere anche il suo volto.

Scoperto cadavere in una scarpata: forse è la pittrice scomparsa nelle Marche
Alessandro Angelozzi, Gianluca Reitano e Gianluca Carradori, ma la sua permanenza nella caserma è durata meno di un'ora. Questo si evincerebbe da una ciocca di capelli di colore chiaro e dall'abbigliamento, per quanto ne è rimasto.

Share