Offerta Lufthansa dimostra che Alitalia non è messa così male, dice USB

Share

Tutti i piloti e le hostess, una parte del settore della manutenzione, le rotte domestiche ed europee, una parte degli amministrativi, una flotta di 90-100 aerei. Fuori dal perimetro aziendale le rotte non economiche, i velivoli che consumano troppo e l' handling (circa 3.100 dipendenti) che, come noto, è entrato nel mirino di altri operatori che si sono fatti avanti con proposte concrete. Giovedì i commissari di Alitalia, guidati da Luigi Gubitosi, incontreranno a Roma i negoziatori di Lufthansa, capitanati da Joerg Eberhard, braccio destro dell'ad Carsten Sphor.

La notizia è che non c'è fretta.

Firenze Rocks 2018: Foo Fighters, Guns N'Roses, Iron Maiden e Ozzy
A Judas Priest e Ozzy Osbourne , con apertura di Avenged Sevenfold spetterà il compito di chiudere il festival il 17 giugno. Sarà una quattro giorni piena di energia, che si svolgerà alla Visarno Arena - Parco delle Cascine del capoluogo toscano.

Secondo i progetti di Lufthansa, Alitalia potrebbe riprendere quota con non più di 6mila dipendenti. Al netto dei servizi di terra gli esuberi non dovrebbero superare le 2mila unità. E che il lavoro, giudicato prezioso dei commissari, continui a ridurre i costi e ad aumentare la redditività. Alitalia rientra perfettamente in questa strategia e sarebbe un altro bel bocconcino per la compagnia tedesca, che sta cercando di ingrandirsi per stritolare la storica rivale Air France-Klm. Sul tavolo delle trattative ci sono ancora i 500 milioni offerti dal Fondo Usa Cerberus, che però non garantiscono un futuro solido alla compagnia. Gli americani puntano ad acquisire per poi rivendere a pezzi Alitalia, senza dare nessuna tutela occupazionale futura. Anche la proposta Easyjet appare debole, in attesa che il vettore cerchi alleanze.

Share