Milan, ecco i soldi: Bgb Weston, 8 settimane per il rifinanziamento

Share

La società che controlla il Milan e alla quale lo stesso fondo Elliott ha dato altri 180 milioni al tasso dell' 11,5%.

Il Milan è vicino a togliersi 'il cappio' Elliot: come si legge sul Corriere della Sera, la società ha firmato un contratto di 8 settimane con la società finanziaria Bgb Weston che si impegna a concedere un rifinanziamento ai rossoneri per estinguere il debito con il fondo americano. Un accesso privilegiato era quello che serviva al Milan per liberarsi dalla pressione della scadenza con Elliott, fissata per l'ottobre del 2018 e per aver maggiore libertà nei tempi, così da ricavare proventi dal mercato cinese o trovare un socio di rilievo con cui condividere il capitale azionario, ma aiuterebbero anche per il "voluntary" con l'Uefa. In caso contrario, semplificando la questione, il fondo si prenderebbe il Milan per una cifra decisamente bassa per poterlo rivendere a qualcun altro e far fruttare la loro scommessa-investimento. Pare che Fassone, secondo una indiscrezione del Corriere della Sera, lo abbia già trovato il nuovo finanziatore.

Domani si celebra la Giornata Mondiale del Diabete
L'accesso alle visite è diretto e non richiede prescrizione prenotazione telefonica. Nel 2030 si prevede che le persone diagnosticate con diabete saranno 5 milioni.

Di queste otto settimane, spiega ancora il quotidiano di Via Solferino, le prime quattro saranno impiegate per una due diligence approfondita del piano di sviluppo del Milan, le altre quattro per finalizzare l'affare. Sono fiducioso che si possa arrivare a qualcosa di definitivo anche prima delle otto settimane, con tempistiche più rapide dei classici rifinanziamenti. "La soluzione identificata rifinanzia entrambi; il finanziamento andava rivisto senza penalizzare il club e naturalmente in un periodo più lungo, dai 3 ai 5 anni". Il calcio, dunque non è un settore nuovo per noi e ormai è abbastanza normale che i club utilizzino la leva finanziaria per valorizzarsi, dal momento che hanno dei budget in crescita e iniziano ad attirare l'interesse di finanziatori internazionali. 'Con il nostro aiuto - ha dichiarato Gallucci - questo management si svilupperà molto in Asia'.

"Attraverso una nostra partecipata Bgb Aurea ci siamo occupati dell'acquisto e della vendita di diversi club, soprattutto in Italia e in Spagna, ma anche di rifinanziamenti per portare a termine trasferimenti di calciatori". Del gruppo - anche se non figura sul sito in quanto collaboratore - fa parte anche l'ex collega juventino di Fassone, Antonio Giraudo, che si occupa però di real estate, cioè del mercato immobiliare.

Share