Vergogna Ultrà Lazio: "Romanista ebreo" con foto di Anna Frank

Share

Una foto che ritrae Anna Frank, simbolo della Shoah, con la maglia della Roma in un vergognoso fotomontaggio. Immediata la protesta della comunità ebraica romana.

Adesivi con l'immagine di Anna Frank con la maglia della Roma, e scritte antisemite di ogni tipo: questo il lascito dei tifosi laziali alla Curva Sud dello stadio Olimpico (la Nord, quella tradizionale dei sostenitori biancocelesti è squalificata per razzismo) dopo la partita col Cagliari di ieri sera.

Intanto la questura di Roma ha avvitato delle indagini per identificare i responsabili e la polizia scientifica ha effettuato delle rilevazioni in curva sud, dove si erano sistemati i tifosi della Lazio per assistere alla partita, data la squalifica della loro curva di appartenenza, la nord, per i cori razzisti intonati durante l'ultima partita contro il Sassuolo. Gli adesivi e i volantini offensivi sono stati rimossi in mattinata dagli addetti alle pulizie dello stadio in vista della gara di mercoledì della Roma con il Crotone.

Napoli-Inter: finisce a reti inviolate il big-match del San Paolo
Senza 17/18 giocatori tutti validi alla lunga le gambe scoppiano , soprattutto se le competizioni da affrontare sono 2. ARBITRO: Banti di LivornoNOTE: ammoniti Miranda, Koulibaly . 11 contro 1 nei primissimi minuti del match.

C'è una foto - che non facciamo fatica a definire disgustosa - che sta circolando su Facebook. "Basta siamo stanchi - sottolinea - la foto che abbiamo postato su Twitter è stata presa direttamente dal profilo Instagram di un tifoso laziale che si vantava con altri tifosi scrivendo: "Ai romanisti abbiamo lasciato un ricordo". "Questa non è una curva, questo non è calcio, questo non è sport".

Il ministro per lo Sport Luca Lotti "condanna con forza il grave episodio" di antisemitismo che si è verificato allo stadio Olimpico. "Contro questi personaggi chiediamo un intervento chiaro della Società Sportiva Lazio e delle autorità competenti". "Fuori gli antisemiti dagli stadi", ha commentato su Twitter la presidente della Comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello. "Questa non può essere una protesta della Comunità Ebraica di Roma, ma un sentimento di indignazione collettiva che dovrebbe riguardare tutti".

Share