Roma-Napoli 0-1 al 45′, manovra avvolgente per gli uomini di Sarri

Share

Il Quotidiano prova ad anticipare le scelte di Sarri e di Di Francesco, partendo dalla lista di infortunati di entrambe le squadre. "Sarà un match bellissimo".

Sarri, che non si è potuto presentare ai microfoni nel dopo partita a causa di uno stato influenzale, si gode la vittoria e il primato con 8 vittorie su 8 gare di campionato disputate, un grande inizio di stagione per una squadra che ha trattenuto i suoi campioni siglando un patto con l'allenatore che ad oggi sta regalando risultati importanti che fanno ben sperare per il futuro. Certi record ovviamente sono fatti per essere infranti ma, potesse servire a dare morale al gruppo azzurro, con 43 punti (Juventus ferma a 36) nel 2016-17, e 12 su 12 nel 2017-18, il Napoli ha il miglior rendimento in trasferta della serie A. Il Napoli è uno spettacolo ed il merito è suo: come giochiamo noi, soltanto il Manchester City. Noi siamo gli stessi dell'anno scorso che vuol dire che c'è fiducia cieca in questi uomini e in questo progetto e noi siamo grati per questa stima, ma la Juve ha il curriculum che perla per sè. Sono un consumatore di calcio, guardo tutto quello che c'è in tv e non ho trovato altro.

Elezioni Sicilia, Rosario Crocetta escluso: Tar boccia ricorso
Crocetta, invece, sembra rassegnato: "Sono abituato a rispettare la legge e le sentenze, dura lex sed lex. Risparmierò i soldi della campagna elettorale - aggiunge scherzando-.

SARRI: "Con Guardiola è tra i più bravi al mondo, dico di più: tra i primi cinque allenatori in circolazione". Ma il tour de force per il Napoli non finisce qui, perchè sabato 21 ottobre al San Paolo arriverà l'Inter di Luciano Spalletti e nel caso i nerazzurri battano il Milan nel derby di questa sera si giocherebbe una gara determinante, perchè Icardi e compagni potrebbero cercare il sorpasso proprio ai danni dei giocatori di Sarri. "Poi può darsi che mi sbagli, ma ci divertiremo col City". C'è ancora tanto da giocare, a marzo si vedrà dove siamo e dove possiamo arrivare.

Dallo Scudetto, infine, alla speranza della convocazione al mondiale.

Share