Pediatria: l'esperto, alle medie giusto 'no' a ritorno a casa da soli

Share

In particolare si assisterà a novità che investiranno le commissioni mediche competenti per quanto concerne il riconoscimento e la certificazione dell'handicap, e le scuole per quanto attiene la stesura dei percorsi didattico-formativi, le modalità di valutazione dei livelli degli apprendimenti e delle competenze raggiunti dagli studenti, la formulazione della documentazione riguardante l'attestazione delle competenze fino ad oggi adottata dalle Istituzioni scolastiche per gli alunni diversamente abili sia per sostenere gli Esami di Stato, sia per coloro che svolgeranno percorsi formativi in alternanza scuola-lavoro.

Così se un docente lascia uscire da solo un minore di 14 anni, rischia una denuncia per omesso controllo mentre i genitori che permettono che il figlio torni a casa da solo, rischiano la denuncia per abbandono di minore. Con la sentenza 21593/2017 i giudici della terza sezione civile erano stati chiamati a pronunciarsi sulla morte di un bimbo investito da un autobus di linea fuori dalla scuola, episodio avvenuto a Firenze quindici anni fa. Questo perché, "nel codice penale è specificato che per i minori di 14 anni è prevista una presunzione assoluta di incapacità" e quindi, "chiunque abbandona una persona minore di anni 14 della quale abbia la custodia o debba avere cura, è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni". Nei casi più rigidi la formula che si trova è che gli alunni minorenni vanno prelevati direttamente dai genitori o da soggetti maggiorenni delegati anche di volta in volta dall'esercente la patria potestà. Nel caso in cui nessuno dei genitori sia rintracciabile il personale di segreteria provvederà a contattare le autorità di Pubblica Sicurezza (Carabinieri o Polizia di Stato) per affidare loro l'alunno, informandone immediatamente il dirigente scolastico o un suo collaboratore. Il traffico - precisa l'esperto - è fortemente aumentato e basta uno sguardo alle statistiche per vedere la crescita di reati nei confronti dei ragazzi. Per il pedagogista Daniele Novara questa "circolare è un'idea balzana dettata dalla paura, dalla mancanza di responsabilità pedagogica e dalla burocratizzazione della scuola". "In Italia solo il 30% dei ragazzini torna a casa da solo, nel resto dell'Europa si arriva al 90%". Li vogliamo chiudere in casa?

Avevano 1.200 uccelli morti nelle valigie: otto cacciatori denunciati
Questi gli animali trovati nelle valigie: 1.119 uccellini, sequestrati appena i cacciatori hanno toccato il suolo italiano. Si tratta di un traffico decisamente fiorente dopo quello della droga, delle armi e della tratta degli esseri umani.

I favorevoli alla circolare parlano invece di una misura più che giusta per proteggere i ragazzi dai pericoli e dai malintenzionati che possono incontrare per strada, soprattutto in una età delicata come quella della preadolescenza.

Share