Unesco: Usa, fuori da fine 2018, poi osservatori

Share

"È una perdita per il multilateralismo - continua la Bokova - il compito dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura non è finito e continueremo ad andare avanti per costruire un 21esimo secolo più giusto, più pacifico e più equo, e per questo l'UNESCO ha bisogno dell'impegno di tutti gli Stati".

"Mi rammarico profondamente per la decisione degli Stati Uniti di ritirarsi dall'Unesco" si legge in un comunicato della direttrice generale dell'Organizzazione con sede a Parigi, Irina Bokova. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l'Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle sue decisioni. Lo rende noto il dipartimento di Stato americano, aggiungendo che gli Usa intendono diventare poi un osservatore permanente della missione. I due favoriti sono il ministro della Cultura francese Audrey Azoulay e il diplomatico qatariota Hamad bin Abdulaziz Al-Kawari.

YOUTUBE Lichsteiner e il fallo su Andrè Silva durante Portogallo-Svizzera
Quindi, allo stato attuale delle cose, André Silva ha superato il croato nella graduatoria di Vincenzo Montella . Portogallo-Svizzera è stata la sfida fra i due milanisti André Silva e Ricardo Rodriguez .

La decisione degli Usa di ritirarsi dall'Unesco è "una triste notizia": lo ha dichiarato il portavoce di Putin, Dmitri Peskov. Da soli gli Usa rappresentavano il 20% del bilancio dell'Unesco. Eppure, sorpresa di giornata è che gli Stati Uniti hanno notificato all'Unesco la loro uscita dall'organizzazione. I tagli sono stati inoltre conteggiati dall'agenzia Onu come arretrati, e ora Washington deve quasi 500 milioni di dollari all'organizzazione. Senza contare la ritorsione del Giappone, il secondo finanziatore più importante, che ha rifiutato di pagare la sua quota 2016 in seguito all'iscrizione, nel 2015, nel registro della memoria mondiale, del Massacro di Nankin, perpetrato dall'esercito imperiale giapponese nel 1937.

Share