Nuoto: Federica Pellegrini e l'ultimo oro mancante

Share

E poi rincara la dose facendo un riferimento alla "posizione alla pecorina" della "Divina" e a una presunta relazione tra la Pellegrini e Giunta. Il caso del premio coach del 2017 che è al centro dell'attenzione si arricchisce di una puntata. Il ministro dello Sport non commenta, lascia la libertà sui social: "è giusto che ciascuno si esprima come vuole". Fa parte di una dialettica tra due ragazzi che si sono già parlati e chiariti, perché hanno una stima reciproca enorme e sono patrimoni dello sport italiano. "Fermo restando che chi ha votato lo ha fatto con onestà intellettuale" - ha aggiunto Malagò. Si è scatenata dopo la lite tra Federica Pellegrini e Gregorio Paltrinieri per l'assegnazione al tecnico del campione emiliano, Stefano Morini, del premio "Castagnetti" di allenatore dell'anno. E poi siamo compagni di nazionale, siamo gente che si ammazza di fatica per raggiungere obiettivi importanti, nuotiamo tutti nella stessa direzione e questo tipo di puntualizzazioni non dovrebbe esistere. "È chiaro che Federica è brava, è forte, ma ripeto, si tratta di un premio, non è niente di che, non doveva prenderla sul personale, su queste cose bisognerebbe volare alto". E qualcuno poteva pensare anche di premiare Christian Minotti che ha portato la Quadarella a vincere tutte quelle medaglie. Capisco il desiderio di sostenere gli indubbi meriti del proprio tecnico, ma non lo si deve fare screditando il lavoro degli altri. "Sono qui per divertirmi ancora, stare con le grandi specialiste e chiudere in bellezza questo 2014 d'oro", questo lo slogan della "sirena" veneta, che dal 2006 disputa i "piccoli" Mondiali (vasca da 25 metri) senza riuscire a centrare l'abituale oro.

Juventus, Matuidi: "Vinceremo lo scudetto"
Le mie prestazioni nel club determinano quelle con la Francia: sono contento di quello che sto facendo con la maglia bianconera. Loro sono una bella squadra , sono in fiducia ma abbiamo tutto per provare a vincere.

"Quando si sente di dire una cosa, Federica la dice - ha spiegato Malagò - È il lato bello del suo carattere, è una persona onesta, ci mette la faccia ed è assolutamente legittimata a esprimere la sua opinione, che tra l'altro è condivisibile. Certo tutto diventa più complicato se terzi soggetti si inseriscono con autogol e uscite che hanno messo veleno sul fuoco".

Share