Fmi alza il Pil ma occhio a Npl

Share

Si tratta - rispetto alle previsioni di tre mesi fa - di un rialzo di 0,2 punti per il 2017 e di 0,1 punti per il 2018. A luglio l'istituzione internazionale con sede a Washington stimava una crescita del +1,3% quest'anno e del 1% il prossimo. Nel World economic outlook, gli economisti del Fondo prevede una crescita Usa al +2,2% quest'anno e al +2,3% nel 2018, contro +2,3% e +2,5% rispettivamente indicati ad aprile, seppure in miglioramento dello 0,1% e dello 0,2% riguardo all'aggiornamento del Weo dello scorso luglio.

Per quanto riguarda il debito pubblico, in base alle stime, nel 2017 il rialzo è al 133% del pil dopo il 132,6% del 2016.

Uomini e Donne, anticipazioni classico: il ritorno di Rosa Perrotta
In puntata , la corteggiatrice rivela di essersi trovata bene e di imbarazzarsi molto davanti al contatto fisico con Marciano. Venerdì 6 ottobre si sono registrate le nuove puntate del trono classico .

CRESCITA - "Per l'Italia, così come per la Francia, è opportuno un aggiustamento fiscale graduale, accompagnato da politiche favorevoli alla crescita" sottolinea il Fondo Monetario, ricordando che "le politiche fiscali dovrebbero essere calibrate sulle condizioni cicliche ma in molte economie avanzate sono limitate dalla necessità di evitare dinamiche di debito potenzialmente destabilizzanti". Secondo il centro di ricerca milanese, quest'anno il Pil dell'Italia crescerà dell'1,5% con un deficit al 2,1% del Pil e il debito/Pil in leggero calo al 131,8%.

In tema di conti pubblici, il deficit/Pil è visto in marginale riduzione al 2,0% nel 2018 e in discesa più solida all'1,4% nel 2019.

Share