Google ufficializza gli speaker Home Mini e Home Max

Share

La scelta di Google è dettata ovviamente dalla situazione americana dove Amazon, la prima a proporre con Echo un dispositivo per la casa basato su Alexa, grazie al piccolo Echo Dot sta guadagnando rapidamente quote di mercato.

Nel corso dell'evento Google tenutosi nel tardo pomeriggio di ieri 4 ottobre, il colosso di Mountain View ha presentato i suoi nuovi hardware tra cui l'interessante speaker chiamato Google Home Mini e un'ulteriore device dedicato ad un target di utenti più esigenti, denominato Google Home Max. Quest'ultima ha appena presentato la variante Mini del suo Home, esattamente un anno dopo il fratello maggiore Google Home.

Nonostante il sostanzioso calo di prezzo, le performance non paiono discostarsi eccessivamente.

La fase di preordine di Google Home Mini è iniziata già oggi. Oltre a questo, è presente una funzionalità che consente attraverso un apposito comando vocale di far squillare il proprio telefono nel caso non lo si trovi più in casa. C'è ad esempio "Raccontami una storia", dove grazie alla partnership con Disney vengono raccontate storie di Topolino, Star Wars e di altri personaggi del mondo Disney.

Roma, sorelline rom morte nel rogo del camper: arrestati i responsabili
Le indagini hanno permesso di accertare che un membro della famiglia Seferovic, da tempo, doveva dei soldi al padre delle tre sorelle morte tragicamente.

Home Max è invece uno speaker che punta tutto sulla qualità dell'audio prodotto, e in questo sembra una risposta diretta all'HomePod di Apple.

Google Home Mini è un dispositivo molto discreto, compatto e, di conseguenza, l'impianto audio di cui è dotato non è particolarmente evoluto. Purtroppo, di nuovo, niente Italia: ricordiamo che i sette stati attualmente sono USA, UK, Australia, Canada, Germania, Francia e Giappone (tra poco).

Inoltre, l'aggiornamento introduce anche una modalità notturna: questa permette di abbassare automaticamente il volume di Google Home ad una certa ora del giorno, ridurre la luminosità dei LED (nel caso in cui vi tengano svegli la notte) e impostare una modalità Non disturbare che disabilita le notifiche e si attiva insieme alla modalità notturna.

Per poter acquistare Google Home Max sarà necessaria una cifra decisamente più elevata, ossia 399$. Infatti, durante la creazione di una nuova scorciatoia vocale, scrivendo - nel campo riservato all'azione che Google Assistant dovrebbe eseguire - Repeat after me, seguito da una qualsiasi frase, il vostro Google Home la ripeterà a seguito del comando vocale che avrete collegato.

Share