Catalogna: Puigdemont, dichiarazione di indipendenza è questione di giorni

Share

I sindacati nazionali si sono sfilati, ma ci si aspetta un'altra giornata di piazze piene. Martedì centinaia di migliaia di catalani hanno manifestato in occasione dello sciopero generale per protestare contro le violenze della polizia spagnola contro gli elettori.

Da lì ad oggi, in un clima di contrasto sempre più acceso, si è giunti a ieri, a colpi di "scomuniche" del Governo spagnolo (alcuni rappresentanti politici indipendentisti erano già stati arrestati nei giorni scorsi e venivano minacciati vari provvedimenti nei confronti dei membri indipendentisti delle istituzioni catalane) e di solenni dichiarazioni dei catalani. "I catalani volevano votare pacificamente e democraticamente". Un suffragio universale in termini radicali. I Mossos, infatti, si erano limitati a presidiare i seggi senza impedire lo svolgimento del referendum.

Jared Leto sarà (anche) Hugh Hefner
Jared Leto ha recenemtnee ammesso di non aver mai visto Suicide Squad , il cinecomic scritto e diretto da David Ayer . Quello di Hugh Hefner , il leggendario fondatore di Playboy , nel film dedicato alla sua vita. "Voglio capirlo".

"Spaventoso e un errore da tutti i punti di vista", e "per come le cose si stanno mettendo adesso, la questione è repubblica o repubblica", ha detto il portavoce del governo regionale catalano diCarles Puigdemont, Jordi Turull, alla tv TV3, riferendosi all'intervento di Re Felipe VI che ha accusato la Catalogna di "slealtà inaccettabile". Così il presidente catalano Carles Puigdemont in un incontro stampa a Barcellona. Di fronte alla crisi "come la storia dell'Ue ci insegna, in democrazia, l'unica strada da percorrere è quella di lavorare insieme per la concordia e l'unità", ha detto Tajani. Sì, manifestanti o poliziotti che hanno ricevuto pronta assistenza medica: ciò non significa che che si tratti necessariamente di feriti. Il prezzo da pagare, però, potrebbe essere altissimo. Anche Rajoy deve stare molto attento alle mosse che gli si prospettano, stretto tra la necessità di riassorbire le critiche interne e internazionali per l'uso sconsiderato della forza e la sollecitazione dei falchi che chiedono il ricorso all'art.155 della Costituzione che dispone la sospensione dell'autonomia catalana, l'esautoramento del presidente e la chiusura d'imperio del parlamento, trasformando la Catalogna in una regione ribelle in Stato d'assedio.

L'Unione europea resta a guardare. Ed all'indomani della Brexit, il movimento indipendentista scozzese che nel 2014 risultò sconfitto al referendum indetto per ottenere l'indipendenza dal Regno Unito, sembra aver ripreso un qualche vigore e all'orizzonte sembra esserci un referendum-bis.

Share