Las Vegas, Zucconi: "''Usa, l'ipocrisia dei politici con la pistola"

Share

Intanto, "nulla di particolare" è emerso dalle perquisizioni presso l'abitazione del killer a Mesquite, cittadina di circa 18 mila abitanti nei pressi della frontiera tra Nevada e Arizona, 82 miglia a nord-est di Las Vegas. Ha lasciato fuori la politica, le armi e le polemiche. L'uomo che ha sparato sulla folla, Stephen Paddock, un americano di 64 anni, aveva nella sua stanza d'albergo un vero e proprio arsenale. "Questo discorso vuoto sulle Scritture è la misura del fatto che Trump non ha nient'altro da dire". Una notizia che speriamo non provochi la reazione contraria di aumentare la vendita di armi da fuoco con la scusa di aumentare l'auto-protezione.

A chiusura del tragico incidente c'è stato un terribile bilancio: almeno 50 persone sono morte e 200 sono rimaste ferite nella sparatoria che è avvenuta nei pressi del Mandalay Bay Casino, uno dei più rinomati di Las Vegas. E i democratici del Congresso hanno inviato messaggi simili, solo alcune dichiarazioni chiedono un controllo più rigoroso delle armi.

Trump, che ha definito l'autore della strage "un individuo molto malato, un pazzo", ha nuovamente elogiato l'azione delle forze dell'ordine e dei soccorritori. C'é bisogno di sangue a Las Vegas, l'appello lanciato dalla polizia in diretta TV ha richiamato un numero enorme di persone che vogliono sapere dove andare per donare il sangue.

Brexit, Bruxelles mette in guardia Londra "I progressi sono ancora insufficienti"
Il 19 e 20 ottobre si riuniranno a Bruxelles i capi di Stato e di governo della Ue. La mozione è stata approvata con 557 voti favorevoli e 92 contrari.

Secondo alcuni media Paddock si era convertito all'Islam mesi fa, cambiando nome in Samir Al-Hajib.

Il Law Center to Prevent Gun Violence spiega che teoricamente, le armi completamente automatiche sono illegali dal 1986, ma il trasferimento di mitragliatrici legalmente possedute prima del 19 maggio 1986 è ancora legale.

Share