Di Francesco: "Partita fondamentale per noi"

Share

Roma, 30 set. (AdnKronos) - "La partita con il Milan ci dira' tanto. La Roma e' migliorata in tante cose e sono arrivati risultati importanti, sono contento della crescita della squadra dal punto di vista della manovra e della compattezza, quello in cui dobbiamo migliorare e' la maggior continuita' durante la gara di rimanere corti nelle due fasi". "Ma quel mondo ora non c'è più". Torna al gol Florenzi, continua a segnare Dzeko.

Che ricordi ha dello scudetto con Montella? "A me piace avere responsabilità, avere la possibilità di smentire le persone e poter dimostrare di essere una squadra di vertice". Nel secondo tempo ci ho messo Radja perchè ci è mancata un po' di continuità nell'aggressione ma ci piò stare perchè ci sono anche gli altri. Nel senso che ci rimettiamo un po' in corsa, ma è quello che vogliamo fare. E' una partita molto importante, ma non determina tutto. Deciderò domani se farlo scendere in campo dall'inizio. Non ci si prepara solo con l'allenamento in campo bisogna essere bravi a portare una grande cultura del lavoro.

La Notte dei Ricercatori. Il Programma UniMoRe per Modena e Reggio
La Notte Europea dei Ricercatori è un'occasione per avvicinare i giovani all'affascinante campo della ricerca scientifica.

Questa partita è la prima che può dire qualcosa di serio sugli obiettivi? "Abbiamo rispetto del Milan ma è giusto puntare ai tre punti". Una carezza per Nainggolan, escluso ancora una volta dai convocati del Belgio: "Stiamo parlando di uno dei più importanti top player in circolazione, evidentemente il ct del Belgio non lo vede adatto al suo gioco. Ha una grande capacità di comunicazione e di interagire nello spogliatoio, è bravo ad adattare e sfruttare le qualità dei calciatori, mantenendo una filosofia di gioco cercando sempre di giocare e far male agli avversari". "Non ho visto il goal di Totti, ma sicuramente andavano a 2 all'ora" - ironizza in maniera affettuosa il tecnico Di Francesco - "La classe non muore mai". La pazienza nel calcio? Sulla pazienza del calcio, dico che 90′ disfano e costruiscono, voi lo sapete bene, Mi è dispiaciuto per l'esonero di Ancelotti, un domani si potrebbe parlare anche di me. Tutto il Milan deve tanto a Silvio Berlusconi, me compreso. Ancelotti è stato esonerato e mi dispiace, ma è stato già accostato a cinque o sei panchine. Siamo a settembre e siamo tutti frettolosi nelle scelte, ma se il Bayern ha deciso così...

Share