Usa, stop ai voli per Cuba: ritirato lo staff dell'ambasciata americana

Share

Secondo queste fonti gli Usa hanno deciso di ordinare a tutto il personale non essenziale dell'ambasciata all'Avana insieme con i loro familiari di lasciare la sede della rappresentanza sull'isola.

Gli Stati Uniti ordinano al 60% dello staff dell'ambasciata americana all'Avana di lasciare la sede di rappresentanza, sconsigliano i viaggi nell'isola e interrompono a tempo indeterminato il rilancio di visti in seguito a "specifici attacchi" contro diplomatici a Cuba. Rimarrà soltanto il "personale di emergenza". Due diplomatici, in particolare, hanno avuto seri problemi di udito: uno ha perso la capacità di sentire in modo permanente.

Ma quella relativa ai diplomatici non è l'unica mossa: gli Stati Uniti hanno infatti interrotto, a scadenza indefinita, il rilascio di visti a Cuba e hanno di conseguenza bloccato i viaggi di delegazioni ufficiali in seguito agli attacchi contro il personale americano. Sarà inoltre diffusa una allerta ufficiale che invita i cittadini statunitensi a non recarsi sull'isola, paventando possibili "attacchi" negli hotel dell'isola che metterebbero a repentaglio la salute dei viaggiatori.

GF Vip, carezze intime in camera e confidenze tra due uomini
Sin dal suo arrivo sul trono , il 26enne milanese ha cercato di "rubare" l'ex corteggiatrice italo-americana a Luca . Le voci che sono circolate sul loro conto negli ultimi mesi sono state numerose e sicuramente non del tutto fondate.

Nell'incontro a Washington con il suo omologo statunitense, Tillerson, Rodriguez ha ribadito che sono molte le risorse che stanno lavorando sul caso che rimane ancora un mistero. E' ormai tornata ad un livello molto alto la tensione tra Stati Uniti e Cuba, dopo che l'ex presidente Barack Obama era riuscito a ristabilire rapporti sereni tra i due Paesi.

In quell'occasione il segretario di Stato americano aveva sottolineato "la gravità della situazione e insistito con le autorità cubane sui loro obblighi di protezione del personale dell\'ambasciata e dei loro familiari". Rodriguez, dal canto suo, non si era fatto piegare facilmente ricordando come la questione non andasse politicizzata e che non bisognava correre a decisioni senza sostegno di prove e indagini.

Share