MN - Separazione dal preparatore Marra: i motivi della scelta di Montella

Share

Per aggiornare la diretta basta premere F5! Sono determinato, sereno ed equilibrato. "Mi piacerebbe ricordare ogni tanto che questa squadra ha fatto 10 vittorie su 12 partite".

A questo punto, fermo restando che attualmente il presente è Montella seppur in una situazione delicata, da milanisti, tutti dobbiamo augurarci che sia lui a riuscire a risanare la situazione instabile che attraversa in questo momento il Milan. Avremmo dovuto fare meglio in termine di occasioni da gol.

"Non è il capro espiatorio, è stata una scelta, non c'era totale sintonia sul percorso". Ad Ancelotti è bastato perdere la 9ª partita su 60 al Bayern Monaco, subendo un netto 3-0 dal PSG di Neymar-Cavani-Mbappe per sentirsi dire da Rumenigge: "quello che abbiamo visto al Parco dei Principi non è il Bayern".

Rifiuti:sequestro centrale Enel Brindisi
All'Enel è stata sequestrata anche la somma di mezzo miliardo di euro per equivalente quale provento di ingiusto profitto. Per tutti i siti è stata disposta la facoltà d'uso provvisoria per un termine non superiore ai 60 giorni.

Ha ringraziato Fassone e Mirabelli, che gli sono vicini e sono di sostegno e gli lasciano libertà e autonomia nelle scelte. Sono stati presi giocatori vincenti, pronti e potenziali campioni. La corsa sembra essere ristretta a due pezzi da novanta del calcio italiano: Antonio Conte e Carlo Ancelotti. "Noi non ne abbiamo tantissimi.".

Sui possibili titoloni per Cutrone: "Non mi sono posto la domanda, mi concentro più a preparare la partita di domani".

"Ci hanno dimostrato attaccamento e fiducia, forse ora c'è un pò di delusione". Vogliamo creare una mentalità, che però si crea anche inciampando. Abbiamo un po' sofferto nelle prime azioni, ma poi la squadra ha cercato di fare la partita. Richiede un'abitudine mentale e fisica. "Andiamo tutti verso la stessa direzione". Ho una carica ulteriore, mi avete stimolato in maniera positiva. "Ci teniamo stretti Montella, il progetto andrà avanti con lui fino alla fine". "In questi giorni di tempesta mi sono accorto di essere ancora più coraggioso". Sentirmi sotto esame? Ho ricevuto vicinanza e stima dalla società. Il Milan però non potrà stare a lungo senza un preparatore, quindi ci si domanda chi potrà essere il sostituto: "Sto valutando alcuni profili, sto aspettando una risposta dal mio preferito per vedere se può venire o no. Io comunque mi sento preparato, anche se non specializzato, sulle metodologie di questo lavoro". Un'incombenza che Marra avrebbe voluto avere ancora e che, con l'arrivo dell'ex Juve, non ha più avuto da un giorno all'altro. Ho l'energia e il desiderio per allenare una squadra gloriosa come il Milan. "La società mi ha chiesto solo di intervenire per non ripetere più queste prestazioni, ma non cerca di intervenire sui moduli o sui calciatori che è di mia pertinenza". "Bisogna superare gli ostacoli".

Share