Ryanair, non tutti i voli cancellati saranno rimborsati. Ecco la lista completa

Share

Sul proprio sito ufficiale, la compagnia aerea irlandese ha pubblicato delle istruzioni per facilitare il metodo di rimborso per i passeggeri risultati idonei. Il ceo di Ryanair, Michael O'Leary, ha detto, in conference call con gli analisti, che "non c'è una carenza di piloti" e ha annunciato l'introduzione di un bonus fedeltà in modo da non farli scappar via della compagnia. Ryanair, infatti, accenna nel suo comunicato al risarcimento unicamente a proposito dei viaggiatori che rifiutino la riprotezione, omettendo di informare che esso spetta anche agli utenti dirottati su voli alternativi.

Nel mirino dell'antitrust, inoltre, anche il tenore e le modalità delle informazioni con le quali Ryanair ha informato i passeggeri della cancellazione dei voli, senza essere sufficientemente chiari sulla possibilità di chiedere una compensazione pecuniaria. "Risulta poco credibile che Ryanair si accorga d'improvviso che debba porre, senza alcun ritardo, in ferie parte del proprio personale".

Sono già 315.000 le richieste di rimborso o cambio volo ricevute da Ryanair dopo la decisione di cancellare 2.100 voli (702 da aeroporti italiani) che dovevano decollare in Europa tra il 18 settembre e il 28 ottobre.

Fermata coppia di cannibali sospettata d'avere mangiato trenta persone
Cose che ai criminali d'altri tempi non sarebbe mai potute accadere, se non altro perché non esistevano gli smartphone . Arrestati Dmitry Bakshaev , 35 anni, e la moglie Natalia Shaporenko , di 42 anni, professione infermiera.

L'Unione Nazionale Consumatori ha invece provveduto a segnalare all'Enac un'altra stranezza sul caso dei voli cancellati. Ecco quanto previsto dalla Carte dei diritti del passeggero.

- i rimborsi sono corrisposti entro 7 giorni dalla richiesta e nel caso di bonifico bancario i tempi per l'esecuzione da parte degli istituti bancari non possono essere inferiori a 7 giorni lavorativi. La compensazione pecuniaria non è dovuta solo se il vettore può provare che la cancellazione del volo è stata causata da circostanze eccezionali che non si sarebbero comunque potute evitare anche se fossero state adottate tutte le misure del caso (ad esempio incidenti, condizioni meteorologiche incompatibili con l'effettuazione del volo, scioperi). In questo caso, se si accetta il volo di proposto dalla compagnia, non si ha diritto a nessun indennizzo ulteriore. Il diritto all'assistenza, quindi, per la vicenda Ryanair non dovrebbe scattare, sempre che se il consumatore è stato correttamente avvisato e non si è, quindi, recato inutilmente in aeroporto.

Share