'Ndrangheta, maxi blitz con 27 arresti

Share

Maxi blitz contro la 'ndrangheta in Lombardia e Calabria: i carabinieri del Comando provinciale di Milano sono impegnati, dalle prime luci dell'alba, in una vasta operazione nei confronti di 27 persone.

In tutto sono 27 le misure cautelari: 21 in carcere, 3 ai domiciliari e 3 interdittive. In cambio, il primo cittadino di Seregno lo avrebbe favorito attraverso una convenzione per la costruzione di un supermercato nel territorio comunale.

Arrestato noto imprenditore edile di Seregno.

MotoGP Aragon Marc Marquez "Superare Valentino è stato pericoloso"
Come ha detto anche Marc, ha chiuso vicino a Vinales , che è al 100%, e su una pista che non è tra le sue preferite. Una vittoria decisiva in ottica titolo, che gli danno 16 punti di vantaggio su Dovizioso secondo.

L'inchiesta è partita nel 2015 a opera dei PM di Monza Salvatore Bellomo, Giulia Rizzo e del Procuratore della Repubblica di Monza Luisa Zanetti e dei Pm della DIA Alessandra Dolci, Sara Ombra e Ilda Boccasini, ed è una costola dell'indagine "Infinito" che nel 2010 aveva colpito duramente le Locali (cioè la struttura di coordinamento) 'ndranghetiste in Lombardia. I reati contestati a vario titolo sono associazione di tipo mafioso, estorsione, detenzione e porto abusivo di armi, lesioni, danneggiamento (tutti aggravati dal metodo mafioso), associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio, corruzione per un atto d'ufficio, abuso d'ufficio, rivelazione e utilizzazione di segreti d'ufficio e favoreggiamento personale.

In particolare, l'operazione ha portato al fermo del sindaco di Seregno (MB), Edoardo Mazza, di Forza Italia, ai domiciliari con l'accusa di corruzione.

Secondo gli inquirenti i presunti esponenti della 'ndrangheta arrestati stamani erano dediti al traffico di droga e alle estorsioni. Le indagini hanno consentito di identificare gli elementi di vertice della locale di Limbiate e di individuare un sodalizio dedito al traffico di ingenti quantitativi di cocaina, con base nel comasco, composto prevalentemente da soggetti originari di San Luca (Reggio Calabria), legati a cosche di 'ndrangheta di notevole spessore criminale. Molto attento ai social network, Mazza ama comunicare servendosi di Facebook. A quest'ultimi avrebbe chiesto di intervenire per raggiungere i suoi scopi.

Share