Juventus-Olympiacos, Allegri: "Higuain non è un problema. Non ho deciso chi gioca..."

Share

"Deciderò domani, non so ancora chi gioca nei 4 davanti, ma a precindere da questo ribadisco che Higuain non è un problema". Non me l'aspettavo. C'è un paradosso, questa squadra gioca meglio senza Higuain, ormai è evidente, chissà cosa dirà l'allenatore toscano a tal proposito. Quando hai diversi giocatori importanti, capita la partita in cui sta fuori Higuain, Dybala o Mandzukic. E comunque ripeto che Higuain non è un problema. Ho parlato con Gonzalo - continua il tecnico livornese -, l'ho visto sereno. "È il titolare della Juve, ho deciso di tenerlo fuori contro il Toro e ha fatto bene quando è entrato, deve rimanere sereno e fare quello che sa". Per il resto sarà 4-2-3-1 con un doppio dubbio in difesa: Sturaro o Barzagli terzino destro e, di conseguenza, Barzagli o Benatia accanto a Chiellini al centro della difesa. Le soluzioni sono queste due. "Lui è l'unico che può sostituire i due di metà campo".

OLYMPIACOS - "La partita non si sottovaluta assolutamente, le gare di Champions non si sottovalutano mai". Loro sono veloci, in campo aperto possono far male. È un girone che dobbiamo ancora iniziare. Massimiliano Allegri ha scelto i 20 uomini che sarannoa sua disposizione domani.

MotoGP Aragon Marc Marquez "Superare Valentino è stato pericoloso"
Come ha detto anche Marc, ha chiuso vicino a Vinales , che è al 100%, e su una pista che non è tra le sue preferite. Una vittoria decisiva in ottica titolo, che gli danno 16 punti di vantaggio su Dovizioso secondo.

"Il mio approccio è il solito". Ovviamente più passano gli anni, più cerchi di migliorare, di migliorarti e migliorare anche la squadra. "Deciderà il mister, io sono pronto a tutto".

In realtà però, analizzando i dati delle sue stagioni in Italia, è possibile notare come Higuain abbia quasi sempre faticato nei mesi estivi forse anche a causa di una condizione fisica non impeccabile al rientro dalle vacanze. La Juventus è sempre migliorata e cresciuta in questi anni. È un torneo complicato: "per vincerlo devi essere forte e si devono incastrare delle cose", conclude.

Share