Salvini: parte oggi da Pontida la lunga marcia verso il governo

Share

"Da oggi parte una lunga marcia per cambiare il Paese" ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, al suo arrivo. Il segretario della Lega annuncia inoltre che una volta al Governo, abolirà il decreto Lorenzin.

Salvini chiuderà con il suo intervento il raduno leghista, dove campeggia lo slogan "Salvini premier", contrattaccando nuovamente sul sequestro dei conti del partito, diventato il tema principale di quest'anno. "Qualche giudice vuole fermare un partito - ha detto Salvini - magari rispondendo agli ordini di qualcun altro". "Andremo avanti anche senza soldi e chiederemo aiuto agli italiani", ha affermato. Questo, ha spiegato Salvini, in un'ottica di centrodestra. "I parcheggi rosa sono destinati a tutte le neomamme e le donne che aspettano un bambino".

Ancor più sferzante la chiusura del riferimento di Silvio Berlusconi a Salvini e alla Lega: "Se vogliono un aiuto hanno i numeri di Arcore, basta chiamarmi e ci sono".

Maroni, mi spiace per Bossi, lui è Pontida - "Questo mi spiace, perché Pontida è Bossi".

Indagato anche per falso
Nuove accuse per Henry John Woodcock nell'ambito dell' inchiesta Consip . In altri tempi si sarebbe parlato di eversione , se non di peggio'.

Il popolo della Lega si ritrova sul pratone di Pontida nella bergamasca per il tradizionale raduno del Carroccio.

PONTIDA (BERGAMO), 16 SET - L'obiettivo politico non cambia. Come dire, io non ti chiamo, al massimo se vuoi e se trovi libero chiama tu. Ma il sequestro preventivo dei conti del partito, dopo la condanna in primo grado di Umberto Bossi per truffa ai danni dello Stato, ha cambiato lo spirito dell'annuale incontro della base del Carroccio.

"Il fatto che Bossi non prenda la parola dal palco di Pontida, ribatte il governatore della Lombardia, Roberto Maroni", dispiace. "Non può mettere il bavaglio a un milione di militanti", ha poi arringato il leader dal palco. Un affronto al vertice, a dispetto di quanto vorrebbe Matteo Salvini che ieri sera ha parlato con il segretario provinciale della Lega Nord, Daniele Belotti, per ordinare al sindaco di correggere il regolamento discriminatorio. "La Lega - ha aggiunto - ha una voce sola". "Le storie e la legge non si processano", così sempre Salvini dal palco. Di certo l'attuale segretario intende ricevere da Pontida un mandato pieno. "Siamo stati fraintesi. Lunedì prossimo faremo una riunione e lì si deciderà cosa fare".

Share