Nord Corea rilancia: dopo sanzioni raddoppia programma nucleare

Share

"Qualora gli Stati Uniti chiedano sanzioni più severe la Corea del Nord si assicurerà che gli Stati Uniti paghino il doppio del prezzo richiesto e sperimentino dolori e sofferenze". Mosca e Pechino hanno tentato di spingere gli Usa verso una soluzione diplomatica, insistendo affinché il testo della risoluzione includa una richiesta di ripresa dei negoziati. Nella risoluzione non si menziona l'autorizzazione all'uso della forza, che invece compariva nella prima bozza elaborata dagli Stati Uniti per ottenere il via libera di Russia e Cina, cosi' come e' scomparso l'inserimento del leader Kim Jong-un dalla lista nera e il bando totale all'export del petrolio. D' altro canto, però, Russia e Cina avevano proposto agli USA di interrompere le esercitazioni militari in Corea del Sud per facilitare un negoziato con Pyongyang, ma la prospettiva è stata scartata.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato all'unanimità nuove sanzioni contro la Corea del Nord, sanzioni che prevedono il divieto di esportazione nel settore tessile e una riduzione degli approvvigionamenti di petrolio. Il mondo civilizzato deve fare quello che Pyongyang non sta facendo, ossia fermare la sua marcia verso la costruzione di un arsenale nucleare.

Seul da parte sua ritiene che le sanzioni possano costituire un avvertimento contro provocazioni del dittatore nordcoreano Kim Jong un.

Dybala spaventa la Juve: "Il futuro non lo conosce nessuno"
A noi interessa passare il turno e la seconda, la terza e la quarta partita risulteranno fondamentali per il passaggio del turno. Questo il Dybala più forte di sempre? Ma l'impressione, stasera come non mai, è che la Pulce sia ancora molto, molto lontana.

La dichiarazione segue la critica del diplomatico nordcoreano Han Tae Song che ieri, a una conferenza sul disarmo a Ginevra ha affermato che "le sanzioni e la campagna di pressione del regime di Washington per cancellare completamente la sovranità della Repubblica popolare di Corea e il diritto alla sua esistenza sta raggiungendo un livello estremamente sconsiderato".

Archivio Disarmo, fin dalla sua nascita, si occupa di studiare gli effetti che la corsa agli armamenti produce ed anche questa volta è presente con un paper dal titolo "Il Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari: Analisi e Prospettive Giuridiche", di Adriano Iaria, che vi invitiamo a leggere. Lo sviluppo di un missile balistico intercontinentale è solo una parte della sfida che la Corea del Nord si è posta: ha, del resto, urgenza di produrre una bomba nucleare miniaturizzata adatta ad essere installata su un missile e il test sotterraneo del 3 settembre scorso sembra andare in questa direzione. Sarebbe in corso in Giappone una discussione circa l' aggiornamento della sua difesa missilistica balistica a terra.

Share