Kim: completeremo il programma nucleare anche con sanzioni Onu

Share

Si tratta, effettivamente, di una "battaglia" che la Corea del Nord sta conducendo contro il mondo intero, un mondo che non solo mostra una sincera e profonda preoccupazione dopo il lancio di un missile balistico, il secondo nel giro di tre settimane nell'isola giapponese di Hokkaido, ma ha preso realmente coscienza che siffatta minaccia ha minato i già precari equilibri di pace e sicurezza.

Milan, altra figuraccia per la Primavera
Ecco le parole dell'ex mediano rossonero: " Loro hanno speso tanto, comprato giocatori importanti e si vede". Nel primo tempo è stata una bella partita, abbiamo commesso ingenuità ma abbiamo creato qualche occasione.

Al contempo il consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha chiesto a tutti i 193 Paesi membri del Palazzo di vetro di mettere in pratica "immediatamente e completamente" tutte le sanzioni adottate di recente in risposta all'ennesimo test nucleare condotto dalla Corea del Nord. Gli ha fatto eco il presidente Donald Trump che, in un discorso alla base dell'aeronautica Andrews, davanti a un bombardiere di ultima generazione, ha parlato di potenti e efficaci opzioni militari a disposizione. Intorno al 1980 Pyongyang iniziò a rifornire l'Egitto di missili che a sua volta acquistava dall'Unione sovietica insieme ad altri armamentari e tecnologia varia. Che gioca a fare il bulletto del quartiere, che vuole portarsi alla pari con gli Usa, grazie ad un programma nucleare che stando alla televisione di Pyongyang sarebbe vicino al completamento. Il razzo ha percorso in linea d'aria 3.700 chilometri. "Saremo all'assemblea generale delle Nazioni Unite con il presidente Gentiloni e credo che anche nel mese di novembre, quando avremo la presidenza italiana del Consiglio di sicurezza dell'Onu, dobbiamo dire con chiarezza che è possibile inasprire ulteriormente le sanzioni".

Share