Crotone-Inter, le formazioni ufficiali: Borja Valero con Gagliardini, Joao Mario trequartista

Share

Crotone-Inter fa da apripista alla quarta giornata di serie A. Così la partita si è dipanata senza grosse emozioni. Una vittoria rotonda nel risultato, ma che è giunta a conclusione di una gara tutt'altro che facile per gli uomini di Spalletti. Passivo eccessivo per il generoso Crotone, che ha le chance per passare in vantaggio ma si scontra contro l'ottimo Handanovic. Il gol dello slovacco in mischia e il raddoppio del croato hanno evitato ai nerazzurri una sventagliata di critiche urticanti. "La palla però l'abbiamo fatta girare noi, forse troppo lentamente e con poca qualità".

"Credo proprio di sì".

Nintendo Switch...il profumo dei soldi!!
Project Octopath Traveler , in sviluppo presso Silicon Knights , è prodotto da Square Enix in esclusiva per Nintendo Switch ed arriverà durante il corso del 2018.

Ora l'Inter conduce 1-0 in casa del Crotone. Spalletti prova a correggere l'Inter, richiamando Gagliardini e (poco dopo Dalbert) e inserendo Vecino e Nagatomo.

CROTONE-INTER 0-2, SPALLETTI- L'Inter ha raccolto una vittoria preziosa sul campo del Crotone. Anche Tonev ha operato un tentativo velleitario. Spalletti conferma il modulo 4-2-3-1, con Icardi che sarà coadiuvato dal trio formato da Candreva, Perisic e Joao Mario, confermato come trequartista centrale. Possiamo citare anche un sinistro (fuori) di Martella sugli sviluppi di una punizione. Ma quanta fatica su un campo che, a tratti, sembra trasformarsi in una trappola per Icardi e soci: il Crotone ha più fiato e si dimostra più imprevedibile. La prima chance è per Tonev che impegna Handanovic con un destro. L'Inter ha protestato per un intervento di Mandragora su Gagliardini, non rilevato neanche dalla tecnologia. In difesa davanti ad Handanovic ci sono D'Ambrosio e Dalbert sulle fasce, Miranda e Skriniar al centro. "Skriniar è un titolare su cui fare affidamento". Poi è la volta di Rohden, ancora una volta stoppato dal portiere interista. Tanto è vero che il gol è arrivato a otto minuti dalla fine da un calcio di punizione ed una azione confusa in area calabrese con proteste vibrate nei confronti del meno che mediocre Banti di Livorno. L'ex Roma sa che c'è ancora molto da lavorare e nel post gara ammette: "Non ci facciamo turbare dalla classifica, che poteva essere diversa". Tuttavia, quando vinci giocando male è buon segno, dicono gli esperti. A disposizione: Festa, Viscovo, Aristoteles, Kragl, Izco, Pavlovic, Trotta, Simic, Crociata. In panchina: Padelli, Berni, Karamoh, Eder, Vanheusden, Brozovic, Pinamonti. Ammoniti: Miranda, Cordaz, Candreva. Angoli: 7-5 per il Crotone. E' il rammarico di Davide Nicola dopo la sconfitta.

Share