Il Dalai Lama in Sicilia, tra Taormina, Messina e Palermo

Share

Subito dopo sono andati a Taormina dove Sua Santità, assieme alle 13 persone che lo accompagnano, tra cui membri della sua scorta personale, e al sindaco di Messina, hanno pranzato al Metropole. Comincia, così, la sua visita di 3 giorni, sull'Isola, con tappa a Messina, Taormina e Palermo Ad accoglierlo, all'aeroporto di Fontanarossa di Catania, i sindaci di Messina e Catania, Renato Accorinti ed Enzo Bianco, e l'ad di SAC, la società che gestisce lo scalo, Nico Torrisi.

Dalai Lama è arrivato oggi a Catania intorno alle 12. Lunedì 18 settembre, alle 9,30, Tenzin Gyatso, leader spirituale del Tibet e Premio Nobel per La Pace, terrà la sua conferenza sull'"Educazione alla Gioia". Il primo degli incontri in programma si è tenuto al teatro Antico, dove è stata conferita l'onorificenza della Città metropolitana di Messina al Dalai Lama, in qualità di "testimone di pace e solidarietà nel mondo e come riconoscimento del suo impegno a favore del dialogo, della pace e del suo messaggio di fratellanza universale, teso all'affermazione dei valori di libertà, di nonviolenza e dei diritti umani". "Una opportunità per l'evoluzione dell'umanità", l'altra sul tema "In cammino verso la Saggezza e la Felicità attraverso la meditazione".

Domani il XIV Dalai Lama sarà al Teatro Vittorio Emanuele di Messina dove terrà due conferenze a partire delle 9.

Milan, Montella: "Serve reagire. Non siamo quelli dell'Olimpico"
Per quanto riguarda l'Europa League e le ambizioni del Milan , "torniamo a casa, per cui e' una competizione che va rispettata e onorata facendo il massimo".

Il Sindaco ha accolto il Dalai Lama, giunto con un jet privato, davanti la scaletta dell'aereo e, dopo avergli dato il benvenuto, gli ha consegnato un dono fatto realizzare appositamente per lui. L'ultima volta che Tenzin Gyatso, leader spirituale del Tibet e Premio Nobel per la Pace era stato nell'Isola, era il maggio del 1996 quando giunse accolto dal sindaco Leoluca Orlando, che gli consegnò la cittadinanza onoraria.

A conclusione del discorso da sindaco metropolitano ha aggiunto che il "rosario" che viene utilizzato dai monaci tibetani per il mantra è di 108 grani, esattamente quanti sono i Comuni della Città Metropolitana che oggi ha conferito la cittadinanza onoraria. Non prima di aver ricevuto alcuni doni-simbolo: un Ficus religiosa, per esempio, l'albero sacro per eccellenza per i buddisti, gianisti e induisti. A seguire due lezioni di Sua Santità su "La pace è... l'incontro tra i popoli".

Share