Grande Fratello Vip, già si dispensano frasi omofobe

Share

Il primo è stato Marco Predolin che ha raccontato di aver avuto problemi con la giustizia prima di entrare nella casa.

Già lo scorso anno, nel corso della prima edizione del Grande Fratello Vip, il pubblico del programma tacciò uno dei concorrenti di omofobia.

Predolin ha infine raccontato che il ritiro del documento di guida è avvenuto dopo una cena organizzata in radio, seguita da un invito di Pio e Amedeo a bere un po' di amaro.

Il successo vero e proprio, però, per Marco Predolin arriva quando passa alla conduzione in Finivest, oggi Mediaset, conducendo programmi di successo, come: M'ama non m'ama, Il gioco delle coppie e ancora Una rotonda sul mare.

Scomparsa 16enne nel Brindisino, ricerche da 5 giorni
Una situazione simile si era verificata già il 30 agosto quando poi era stata ritrovata a casa di amici a Brindisi . La ragazzina avrebbe fatto perdere le tracce domenica scorsa.

'Non è possibile, nel 2017, ascoltare che bisognerebbe dividere gli omosessuali tra normai e non normali' ha scritto un utente sulla pagina Facebook ufficiale del Grande Fratello.

Invitato a esprimere il suo parere sull'argomento, Predolin ha pronunciato una frase che ha finito per far storcere il naso a qualcuno: "Non tutti i gay vogliono fare le donne, alcuni sono normali". Ormai si è nel 2017 e certe frasi non sono più tollerabili. Le associazioni LGBT sono sul piede di guerra e stanno gridando a gran voce un immediato provvedimento per Predolin, come si è verificato con Clemente Russo. Ironicamente, Predolin fa capire che loro lo hanno spronato a divertirsi un po', ma è stato lui ad esagerare con l'alcol.

Squalifica al GF VIP 2, Predolin espulso o ammonito? Quattordici i concorrenti in gara: Veronica Angeloni, Daniele Bossari, Giulia De Lellis, Carmen Di Pietro, Lorenzo Flaherty, Serena Grandi, Gianluca Impastato, Simona Izzo, Cristiano Malgioglio, Ignazio Moser, Luca Onestini, Marco Predolin, Cecilia e Jeremias Rodriguez, Aida Yespica. Il reality show sarà condotto da Ilary Blasi, con la partecipazione di Alfonso Signorini e il supporto della Gialappa's Band.

Share