Fiorentina-Bologna in diretta tv: dove e come vederla

Share

Dopo Crotone-Inter, è il turno del secondo anticipo pomeridiano del sabato per la quarta giornata del massimo campionato italiano. Al 'Franchi' arriverà il Bologna, reduce dal ko rimediato con il Napoli. Il 5-0 di Verona è ancora negli occhi di tutti, ma di adagiarsi sullo "Squadra che vince non si cambia" non se ne parla. Siamo preparati a tutto su noi stessi, qualsiasi scelta faranno i nostri avversari ci concederanno qualcosa: l'importante è che la squadra mantenga ordine nel gioco. I detti sono la saggezza dei popoli, però si pensa a migliorare la squadra dove è possibile. Il Bologna è molto pericoloso, hanno giocatori di qualità e velocità, come Verdi e Di Francesco.

Per quanto riguarda le formazioni, Stefano Pioli sorride per il recupero di Eysseric e Saponara, che sono tornati in gruppo anche se difficilmente verranno impiegati dal 1'. Il 5 a 0 rifilato agli scaligeri ha fatto rumore, ma Pioli ora non vuole cali di concentrazione, motivo per cui chiede ai suoi una gara di spessore anche in questo derby dell'Appennino. Nel Bologna di Donadoni, che dovrebbe schierarsi con un modulo speculare a quello della Fiorentina di Pioli, non ci sarà il cileno Pulgar, punito dalla società per alcune sue dichiarazioni: al suo posto scenderà in campo Donsah. "Questa squadra fa vedere qualcosa e deve lavorare".

Cinema, Mazinga Z "conquista" Roma: il robot superstar in anteprima mondiale
La Festa del Cinema di Roma apre quindi ai grandi anime d'animazione giapponese e ospiterà uno dei più grandi mangaka di tutti i tempi, già premiato con il Romics D'Oro lo scorso anno.

A quattro giorni dalla Juve, sarebbe una bella scarica di adrenalina: "Quest'entusiasmo va cavalcato - conferma Stefano Pioli - conosco i fiorentini e dico che è sempre più difficile lavorare in un ambiente depresso piuttosto che in un clima euforico". Il match si presenta quindi ricco di motivi di interesse e tra questi vi è anche il fatto che Pioli, oggi sulla panchina della Fiorentina, ha allenato per tre anni il Bologna, dal 2011 al 2014. E' un altro esame ma siamo pronti.

Adesso sotto col Bologna per regalare la prima vittoria casalinga della stagione scrollandosi ogni emozione da ex: "Il Bologna mi ha aiutato a diventare allenatore ed è stato una palestra importante per la mia carriera". Chiusura con un pensiero al dramma di Livorno: "Un'amichevole benefica tra la Fiorentina e la squadra amaranto?"

Share